Piracy Deterrence and Education Act

In USA è vicina al varo definitivo, la proposta di legge che prevede nuove pesanti pene per chi condivide file via peer to peer, e che dovrebbe coinvolgere sia utenti semplici sia aziende.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-10-2004]

In USA è vicina al varo definitivo la proposta di legge che prevede nuove pesanti pene per chi condivide file via peer to peer.

Il progetto è stato avviato dalla Commissione Giustizia della Camera e prevede, nel particolare, fino a tre anni di reclusione per chi pone senza autorizzazione più di mille file protetti dal diritto d'autore su reti P2P.

Nel mirino del "Piracy Deterrence and Education Act" vi sono sia gli utenti semplici sia le aziende che installano sui computer di altri utenti della Rete programmi nascosti e quindi senza la loro autorizzazione esplicita.

La pena di tre anni è prevista anche per i pirati che registrano i film proiettati nelle sale cinematografiche.

Il testo di tale proposta di legge rappresenta la convergenza tra gli interessi di chi detiene il diritto d'autore e quelli del Governo: infatti quest'ultimo ha nuovi strumenti per perseguire coloro che copiano surrettiziamente prodotti protetti.

Un esempio: il Ministero della Giustizia avrà l'obbligo di dare vita a un dipartimento per l'educazione del pubblico sul diritto d'autore, mentre la polizia vedrà finanziati per sé corsi contro la pirateria.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Commenti all'articolo (2)

Michael
OT Leggi tutto
3-11-2004 20:23

contrattacchiamo! Leggi tutto
3-11-2004 00:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2340 voti)
Febbraio 2019
Hai criticato Mark Zuckerberg? Allora forse Facebook ti sta già tracciando
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics