Disobbedienza civile elettronica

Un libro che fa il punto sul mediattivismo e sulle forme di lotta politica attraverso la Rete a livello internazionale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-12-2004]

"La mobilitazione che il Decreto Urbani è stato capace di provocare e che ha trovato nella Rete la sua forza trainante è la migliore conferma possibile che i fenomeni di cosidetto NetAttivismo non sono più relegati all'underground cibernetico nè sono prerogativa esclusiva del mondo anglosassone. Anche in Italia comincia cioè a farsi strada un approccio all'attivismo politico che considera Internet uno strumento sia tattico che strategico per imporre istanze e fare opposizione".

Inizia così la prefazione che Stefano Gulmanelli, ha scritto per il libro "Disobbedienza civile elettronica" di Graham Meikle, docente universitario australiano, che esce in Italia presso Apogeo, tradotto dallo stesso Gulmanelli, autore di PopWar.Il Netattivismo contro l'Ordine Costituito", brillante saggio che tratta anche i problemi della lotta per il diritto al P2P contrastato duramente dalle grandi multinazionali della multimedialità.

Il pregio del saggio di questo autore è che essendo australiano non si limita ad un punto di vista "americanocentrico" anche nell'affrontare i fenomeni dei movimenti di protesta radicale sul Web e attraverso i media elettronici, molto diffusi negli Usa prima e, forse, unica società di massa on line. Si viene a sapere così che uno degli antesignani della rete di Indymedia sparsa per il mondo è stato il sito australiano Active Sidney.

Sempre in Australia è nato anche il "rovescio" dei movimenti di protesta radicale on line, perché la Rete può essere usata anche da destra, come il movimento sciovinista australiano "One Nation" che ha costruito il proprio successo elettorale grazie alla Rete. Un altro casi citati dal libro di uso "reazionario" della Rete è, per esempio il sito Godhatesfags.com della Chiesa Battista di WestBoro in Kansas(Usa) che letteralmente significa " Dio odia le checche", lampante esempio di battaglia omofoba.

Nel libro un'appendice descrive il modo con cui i partiti politici italiani utilizzano il Web come una conferma della teoria di Meikle secondo cui i partiti politici tradizionali utilizzano la Rete in versione broadcast tipo Tv e non valorizzando l'interattività, con l'eccezione dei Radicali.it che ne fanno un grande uso. Bisogna dire che anche movimenti cattolici di tipo tradizionalista in Italia utilizzano molto la Rete: pensiamo al sito Fattisentire.net che ha lanciato con successo petizioni on line per chiedere l'inserimento del riferimento alle radici cristiane nella Costituzione europea o contro i nuovi Statuti regionali che legittimano le coppie di fatto.

La differenza fondamentale nell'uso politico della Rete è però, per il Meikle, quella tra Internet Versione 1.0 e Internet Versione 2.0. La Versione 1.0 è quella che ti permette di scegliere tra ozioni date come scegliere da un palinsesto precostituito di notizie un articolo o comprare una camicia mentre la Versione 2.0 di Internet è quella dove si può costruire da zero, accedendo ai contributi di altri e permettendo agli altri di contribuire.L'interattività è non quando scegli ma quando crei , una costruzione sempre in progress, sempre incompleta.

Per questo un intero capitolo del libro è dedicato all'Open Publishing e all'Open Technology. Ritagliarsi un proprio giornale fatto di mail, e-groups, instant messaging e pagine web personali, come fanno sempre più persone in Rete ma anche adattare e cambiare la tecnologia per le proprie esigenze, che è la tendenza alla base del successo che sta incontrando il free software, perché i movimenti di riappropriazione da parte delle persone dell'informazione e della tecnologia, fanno parte a pieno titolo del netattivismo.

Infatti lo stesso termine "Disobbedienza civile elettronica" è nato in quello dell'arte digitale, coniato da un gruppo artistico chiamato Critical art Ensemble e non nell'ambito politico. Il libro racconta la storia del netattivismo dall'uso da parte dell'opposizione serba contro Milosevic della stazione radio on line Belgrado B92, fino alla campagna Buy Nothing Day , il giorno in cui non si compera niente per protesta contro il consumismo(imitato dalle associazioni dei consumatori italiani per protestare contro il caro-euro) fino al sito gwbush.com che ha fatto dire a Bush che "dovrebbe esserci un limite alla libertà ".

Il libro si chiude con una riflessione sul senso ed il futuro della disobbedienza civile elettronica. Bisogna comprendere che la disobbedienza civile attraverso la Rete è una strategia sul lungo termine senza illusioni di cambiare tutto subito. Bisogna essere consci dei limiti stessi della Rete e non chiedere alla Rete quello che la Rete non può dare: Non conosco un regime autoritario che sia caduto a causa di un applet Java....Per cambiare il mondo ci vogliono uomini e donne che si impegnino in una battaglia vera con tanto di scioperi, manifestazioni, boicottaggi.... Più che nella Rete si deve aver fiducia in sè stessi, cercare di essere sicuro che ciò che stai facendo lo fai per migliorare la vita alle centinaia di milioni di persone in difficoltà e non per soddisfare il tuo ego, rispetta perciò le persone che vuoi organizzare o con cui vuoi comunicare.

La Rete ha questo in più, mette la gente allo stesso livello, dove più dei soldi conta la fantasia perciò il segreto del successo del netattivismo può essere solo questo: usare la fantasia.

Scheda
Titolo: Disobbedienza civile elettronica
Autore: Graham Meikle
Editore: Apogeo
Prezzo: 16 Euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual č il peggior difetto del tuo smartphone?
Ha il display troppo piccolo per navigare comodamente.
Le app che vorrei utilizzare non sono disponibili il mio OS.
La tastiera virtuale č scomoda.
E' troppo lento e le app girano a fatica.
Non č dual Sim.
La batteria dura troppo poco.
E' troppo pesante da portare in giro.
Altro (spiegalo nel forum)

Mostra i risultati (3895 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics