Vendicarsi dei truffatori online si può, e con garbo

Gli utenti esasperati si organizzano per trasformare la celebre e dilagante "truffa alla nigeriana" in una forma di intrattenimento con creatività e humor.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-01-2005]

[foto di un truffatore gabbato]

Stufi di ricevere l'ennesimo invito a spartire milioni di dollari dal solito funzionario o ex principe/dittatore di uno sfigatissimo stato africano? Volete divertirvi alle spalle di questi truffatori? Allora unitevi all'allegra banda di 419eater.com, il cui sito è dedicato a raccogliere casi in cui la vittima, una volta tanto, ha beffato il criminale.

Il sito, infatti, presenta foto e file audio di truffatori... truffati. Il meccanismo è semplice: si risponde all'invito-truffa, facendo finta di abboccare, e si usa un po' di psicologia per indurre il truffatore a fare qualcosa di assolutamente idiota, come mandare una propria foto in posa ridicola (come vedete qui accanto).

Questo, oltre a produrre risultati esilaranti che potete sfogliare nella galleria dei gabbati, ha anche uno scopo socialmente utile: tenendo occupati i truffatori, che credono di aver trovato una vittima da spennare, li distrae dal tentare di cercare altre vittime.

I migliori artisti della vendetta anti-truffa riescono addirittura a farsi mandare dei soldi dai truffatori usando i loro stessi metodi. E' anche così che si redime chi pensa di poter fare soldi facilmente raggirando il prossimo. Va tenuto presente, infatti, che questo imbroglio frutta circa 200 milioni di dollari l'anno soltanto negli USA, e che dietro le facce un po' smarrite della "galleria dei gabbati" c'è una vera e propria organizzazione criminale che sforna documenti falsi e corrompe le forze di polizia locali.

Uno dei miei casi preferiti è quello della Chiesa del Petto Rosso. Un membro di 419eaters.com viene contattato dal "principe" Joe Eboh con una classica offerta-truffa: 25 milioni di dollari da spartire.

Il vendicatore risponde presentandosi come Padre Hector Barnett, della Santa Chiesa dell'Ordine del Petto Rosso, e dichiarando che sarebbe ben lieto di partecipare alla transazione, ma che la sua religione gli vieta di fare affari con chi è di fede diversa. Se tuttavia il "principe" decidesse di abbracciare la fede del Petto Rosso...

Il "principe", uomo di robusti ideali, risponde che non c'è problema: se è questo che serve per concludere la transazione, è disposto a cambiar fede. "Padre Barnett" gli dice che deve dimostrare la propria sincerità mandando una foto della propria "cerimonia di iniziazione", e gli racconta in cosa consiste questa cerimonia. La trappola sta per scattare.

L'Ordine del Petto Rosso, dice "padre Barnett", fu fondato nel 1774 dalla signora Betsy Carrington, che predicò il Vangelo per molti anni in Kenya e fu la prima a contattare i fieri guerrieri Masai, che la misero alla prova, chiedendole di togliersi la parte superiore degli indumenti e di dipingersi il petto coi colori di guerra della tribù, come segno di fede e risolutezza. Cosa che lei fece, superando il proprio britannico imbarazzo, conquistandosi così il rispetto dei Masai.

Per ricordare questo nobile gesto, spiega "padre Barnett" chiunque entri a far parte dell'Ordine del Petto Rosso deve rievocarne lo spirito: alle donne è permesso dipingersi il ventre anziché il petto, per ovvie questioni di pudore, ma gli uomini sono tenuti a dipingersi il simbolo dell'ordine (una sorta di numero 9).

A questo punto, la presa per i fondelli dovrebbe essere evidente, ma il truffatore è talmente ingolosito dall'idea di aver trovato un pollo da spennare che non si accorge di essere in realtà lui il gabbato. In men che non si dica, il "principe Joe Eboh" manda una propria foto in topless con un bel 9 dipinto sul petto.

"Padre Barnett" è implacabile: manda al "principe" un modulo da compilare, in cui sottoscrive i voti dell'Ordine del Petto Rosso, che comprendono ovvi indizi rivelatori come "non ascolterò l'hip-hop", "onorerò il sacro gnu" e "non toccherò il serpente che s'annida nei miei pantaloni". Inutile: il truffatore insiste. Sente l'odore dei soldi.

Dopo altri allegri scambi di e-mail, il "principe" fa la propria mossa: la transazione ha un "costo di registrazione" di 18.000 dollari, secondo il classico copione della "truffa alla nigeriana". Nessun problema, risponde "padre Barnett", ma per sbloccare una cifra del genere dalla cassa del Petto Rosso serve un certificato la cui autenticazione costa 80 dollari. Il "principe" sarebbe disposto ad anticiparli lui, in modo da non lasciare tracce? Dopo qualche titubanza, il truffatore acconsente e tramite DHL manda 80 dollari alla vittima.

I ruoli, insomma, si sono rovesciati. E come ciliegina sulla torta, il "principe" riceve un ulteriore e-mail, in cui un altro membro dell'Ordine del Petto Rosso, tale Mike Myers (sic), gli chiede se ha notizie di padre Barnett, misteriosamente scomparso dopo aver prelevato 18.000 dollari dalla cassa dell'Ordine....

Divertimento a parte, l'azione del vendicatore di 419eaters.com raggiunge anche un altro risultato molto prezioso: riesce infatti a far bloccare il conto usato dal truffatore per ricevere i soldi di chi abbocca al raggiro. Inoltre tiene sulle spine il "principe Joe" per un totale di cinque mesi, durante i quali avrà avuto ben poco tempo da dedicare ad altri tentativi d'imbroglio.

Chissà se il "principe Joe" avrà imparato la lezione e si dimostrerà più sveglio dei tanti gonzi che tuttora abboccano e mandano soldi ai suoi colleghi criminali. La Rete dimostra, insomma, che la stupidità e l'avidità non conoscono distinzioni di latitudine o colore della pelle.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Approfondimenti
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)


è da un po' che non mi arrivano email da dittatori africani che vogliono prestarmi dei soldi (sarcasmo) ho detto sempre no, ma adesso ne avrei bisogno ;)
26-11-2012 18:10

.Tom Reacherson.
Ho letto quest'articolo che è davvero molto interessante. I miei dubbi sono in che senso dietro le facce dei gabbati c'è una vera organizzazione criminale? In che senso corrompe le forze di polizia locale? Non credo che la polizia federale si faccia corrompere da queste persone?
4-7-2012 14:36

aldo
Gentile Paolo Attivissimo vorrei sapere se il tatuaggio viene impresso con tinta indelebile o con terra sacra di Africa /Kenia da dove viene la fondamenta del Sacro Ordine del Petto Rosso. Se cosi' fosse prego gentilmente aggregare il costo della fattura e io provvedero' a liquidare con assegno in lire il totale della fuddetta... Leggi tutto
7-1-2005 17:15

Enrico Ferro
Anch'io una volta mi sono divertito con questa storia, rispondendo in uno strano miscuglio di inglese e dialetto padovano (il mio interlocutore si lamentava e suggeriva mi dotassi di interprete). L'ho pregato di telefonarmi e dopo molte insistenza, quando ormai avevo perso speranza, una mattina ha squillato il mio telefono e mi sono... Leggi tutto
7-1-2005 14:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (4196 voti)
Settembre 2021
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 settembre


web metrics