Linux in una chiavetta Usb

Piccola guida a una distribuzione Linux che si installa su una pendrive di appena 128 Mbyte.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-01-2005]

Usb drive

"Linux è obsoleto". La frase venne pronunciata da Andrew Tanenbaum in una famosa discussione avuta con Linus Torvalds. A distanza di anni, Tanenbaum è stato smentito dalla potenza e versatilità del kernel open source creato dall'allora giovane ingegnere Finlandese. Il kernel Linux è talmente adattabile da poter funzionare utilizzando qualsiasi dispositivo di memorizzazione, non soltanto hard disk o Cd-Rom ma anche l'ultima moda in fatto di storage: le pendrive Usb.

Le distribuzioni Gnu/Linux più promettenti che funzionano su chiavette Usb sono Runt e Knopperdisk. La prima arrivata alla versione 4.0 è basata su Slackware 10.0 e utilizza il kernel 2.4.26.

Knopperdisk è appena alla versione 0.2.1, si basa su Gentoo e utilizza il kernel 2.6.10. Entrambe sono distribuzioni Gnu/Linux complete che si installano su una pendrive Usb con capienza di 128 Mbyte. Vedremo in pratica le procedure per installare e rendere funzionante Runt supponendo di eseguire le operazioni richieste su una distribuzione Gnu/Linux funzionante e loggati come utente root.

Per cominciare sarà necessario scaricare il file compresso runt-4.0.zip che contiene la distribuzione e gli script di installazione. Le chiavette Usb sono viste dal kernel come dispositivi Scsi e dunque denominate come sda con numerazione crescente a seconda di quanti dispositivi usb sono connessi contemporaneamente (es. sda1, sda2 etc).

Come tutti i dispositivi, anche le pendrive Usb sono rese disponibili in Linux sotto forma di file (di solito presenti nella directory /dev) che devono essere montati in una directory del nostro filesystem per essere letti e scritti.

Supponiamo che la nostra chiavetta sia identificata dal kernel come /dev/sda1 e immaginiamo inoltre di aver creato la directory /pendrive all'interno di /mnt. Il comando che dovremo dare da utente root per rendere accessibile il nostro dispositivo di memorizzazione sarà:

# mount -t msdos /dev/sda1 /mnt/pendrive

Portiamoci nella direcotry in cui abbiamo salvato runt-4.0.zip, e scompattare il file .zip direttamente all'interno della pendrive appena montata con il comando:

# unzip runt-4.0.zip -d /mnt/pendrive (estrae il file zip nella directory che segue il flag -d)

A questo punto avremo all'interno di /mnt/pendrive due directory linux e runtutil.

Chi ha la fortuna di poter impostare da Bios come prima unità avviabile la propria chiave Usb dovrà portarsi nella directory runtutil ed eseguire makeboot.sh che renderà avviabile la pendrive (o makeboot.bat se si sta eseguendo la procedura da Windows):

# sh makeboot.sh

Chi invece non ha la possibilità di eseguire il boot dalla pendrive potrà approntare un floppy disk ad hoc che permetterà l'avvio e in seguito consentirà di eseguire il sistema Gnu/Linux presente su pendrive Usb. Bisognerà in questo caso eseguire mkfloppy.sh (o mkfloppy.bat se si esegue la procedura da Windows):

# sh mkfloppy.sh

A questo punto potremo riavviare lasciando il floppy inserito, far caricare il kernel in memoria e aspettare i messaggi a video. Il bootdisk ci darà il benvenuto e ci chiederà quale device avviare (di default /dev/sda1). Chi avesse un diverso numero di identificazione della propria pendrive dovrà dare i seguenti comandi al boot prompt:

boot: usb root=/dev/sdax (sostituendo x con il numero identificativo del proprio dispositivo usb)

Se tutto è andato per il verso giusto il sistema verrà avviato e al termine dei messaggi di boot potremo loggarci come root al prompt della shell e trovarci all'interno di un sistema Gnu/Linux perfettamente funzionante e dotato di tutte le utility e i programmi presenti in una vera e propria Slackware.

Potremo addirittura configurare l'indirizzo Ip della nostra macchina e relativi parametri di rete eseguendo l'utility netconfig e navigare su Internet utilizzando il browser testuale Links.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

l'invidia e' una brutta bestia. e tu che fai oltre a fare questi utlissimi comenti? che tristezza. Leggi tutto
29-3-2008 19:52

Grazie, Asfodelo3000 per aver riportato su un thread che giaceva nei meandri del server da un paio d'anni... :D In questi anni, comunque, quell'articolo Ŕ diventato leggermente obsoleto. Infatti adesso non Ŕ difficile trovare delle distribuzioni Linux che funzionano da chiavetta USB, e senza doverci impazzire sopra... :wink: Per quello... Leggi tutto
4-3-2008 21:46

{Asfodelo3000}
pu˛ essere pi¨ facile Leggi tutto
3-3-2008 23:43

{xnbkjiou}
matteo ha ragione Leggi tutto
9-3-2006 21:55

{Alessio Porcacchia}
matteo non sono quelle le distribuzioni supportate Leggi tutto
9-10-2005 00:37

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1442 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics