Falla grave nei browser alternativi, si salva IE (*aggiornamento*)

Il mancato rispetto degli standard risparmia a Internet Explorer una trappola perfetta che farà la gioia dei truffatori online. Pronte le prime correzioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2005]

logo di Internet Explorer

I browser alternativi Opera, Mozilla, Firefox, Camino, Konqueror, Netscape, Safari e altri sono a rischio truffa ed è necessario aggiornarli. Un aggressore che vuole carpire i codici di accesso a banche o altri siti commerciali può quindi creare un sito visivamente uguale a quello autentico e poi attirare le vittime offrendo via e-mail o Web un link indistinguibile da quello del sito vero. Internet Explorer si salva da questo rischio perché non supporta correttamente uno degli standard di Internet, l'IDN (Internationalized Domain Names).

La falla, scoperta da Eric Johanson di Shmoo.com, crea un inganno praticamente perfetto, come potete verificare usando il semplice test di Secunia.com oppure provando a distinguere quale di questi due link è quello autentico (cliccateli pure, sono entrambi innocui):

Uno di questi due link porta a una pagina dimostrativa di Secunia.com anziché a Paypal, ma se il vostro browser è vulnerabile, nella barra degli indirizzi sarà indicato in entrambi i casi l'indirizzo di Paypal.com (o almeno così vi sembrerà).

Il problema nasce dal fatto che secondo lo standard IDN è possibile registrare nomi di dominio contenenti caratteri speciali di alcune lingue: gran bella cosa, che permette per esempio ai francesi di avere dominii con lettere circonflesse e agli spagnoli di avere la tilde dove ci vuole (come in España.com), ma che permette anche ai truffatori di registrare nomi di dominio che somigliano dannatamente a quelli di siti famosi, differenziandosene soltanto perché usano un carattere speciale al posto di uno "tradizionale" (come la seconda A nei link dimostrativi mostrati qui sopra).

Ironicamente, Internet Explorer non è vulnerabile in questo caso perché non supporta correttamente i nomi di dominio contenenti caratteri speciali (salvo che abbiate installato gli appositi plug-in, come infatti capita se usate IE per cliccare sul link al sito spagnolo citato sopra): di solito si limita a dire che è impossibile connettersi al sito, dando la falsa impressione che il sito desiderato sia disattivato o in panne.

Versioni aggiornate di alcuni browser alternativi, che tengono conto di questo problema, sono già pronte. Resta valida la raccomandazione già fatta a suo tempo: non fidatevi dei link a banche o negozi forniti da sconosciuti, ma usate i Preferiti oppure digitateli a mano.

Aggiornamento (10/2/2005): Sono ora disponibili le versioni aggiornate di Firefox (1.0.1) e Mozilla che correggono questa falla.

Infatti gli utenti di Firefox e Mozilla possono ora disabilitare l'interpretazione dei caratteri speciali, digitando about:config nella casella dell'indirizzo e poi impostando a False il valore del parametro "network.enableIDN". L'opzione era già presente nelle versioni precedenti ma non funzionava correttamente.

Con questa modifica, Firefox e Mozilla non si collegano al sito-trappola e lo dichiarano inaccessibile, comportandosi esattamente come Internet Explorer, e visualizzano nell'angolo inferiore sinistro i caratteri reali del link, indicando che c'è qualcosa che non quadra.

Nota: Questo articolo è stato riscritto massicciamente per tenere conto del rapido evolversi della situazione (e di un mio errore). Alcuni commenti dei lettori, pertanto, potrebbero riferirsi a frasi che non esistono più.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Attivissimo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 45)

Andy
Slimbrowser Leggi tutto
13-3-2005 02:55

Gio'
Firebird 0.7 Leggi tutto
11-3-2005 05:19

Alberto
Falla grave.......... Leggi tutto
25-2-2005 13:07

Rosanna Galvani
problema riscontrato Leggi tutto
16-2-2005 10:14

Ho aggiornato come da articolo, ma non ho visto cambiamenti sulla barra del titolo, stessa spuffatura
15-2-2005 15:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2256 voti)
Dicembre 2019
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Tutti gli Arretrati


web metrics