Calabrò all'Authority delle Tlc

Il Consiglio dei Ministri designa Corrado Calabrò (già presidente del Tar del Lazio) presidente dell'Authority delle telecomunicazioni. Una nomina inopportuna per numerosi motivi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-03-2005]

Corrado Calabr├▓

Il Parlamento ha eletto i componenti dell'Authority per le Comunicazioni, scegliendo tutti esponenti di partito, tra cui due membri dello stesso governo (che difficilmente si metteranno mai contro il medesimo). L'opposizione ha scelto un rappresentante degli editori, Sebastiano Sortino, sbagliando anche la commissione di cui doveva far parte: forse lo farà dimettere per rieleggerlo in un'altra commissione.

Ora il governo ha designato il presidente dell'Authority, nomina che dovrà passare il vaglio delle commissioni parlamentari competenti, e su cui dovrà formarsi un consenso "bipartisan", cioè di entrambi gli schieramenti. Il Consiglio dei Ministri per questa carica (che comunque sarà operativa solo a elezioni regionali terminate, per via dell'iter da completare) ha designato Corrado Calabrò, attuale Presidente del Tar del Lazio.

Per questa scelta il Consiglio dei Ministri si è riunito senza la presenza del Presidente del consiglio Silvio Berlusconi e del sottosegretario alla presidenza Gianni Letta, secondo quanto previsto dalla legge sul conflitto di interessi, in quanto Berlusconi e Letta sono tra i maggiori azionisti del più grande gruppo editoriale del Paese.

La scelta di Calabrò è quanto mai inopportuna in questo momento: innanzitutto Corrado Calabrò si è appena espresso con un giudizio avveso al ricorso presentato dalla lista Mussolini per la nota questione delle firme false (questione che oggettivamente, al di là del merito, favorisce la maggioranza di governo e potrebbe sembrare un favore). Ma questo vale anche per numerose altre decisioni del Tar del Lazio che oggi, alla luce della nomina del governo, potrebbero perdere di credibilità.

E' strano che gli esponenti del governo creino questa situazione inopportuna, loro che hanno sempre sostenuto la necessità che i giudici non facciano politica o che non assumano responsabilità politico-amministrative dopo aver lasciato da poco l'incarico giudiziario. Il problema si pone anche per il futuro: le decisioni di Calabrò, presidente dell'Authority, potranno essere impugnate davanti al Tar del Lazio che finora ha presieduto. I giudici che sono stati suoi colleghi o subordinati dovranno giudicare contro di lui: con quale serenità lo faranno?

Calabrò stesso, in qualità di presidente dell'Authority, dovrà riprendere dossier e questioni su cui si è già espresso come presidente del Tar, in un'altra veste: come potrà essere indipendente rispetto a sé stesso e alle sue decisioni?

In pratica l'Authority viene praticamente abolita e inglobata nel Tar (o viceversa). In passato Calabrò è stato più indulgente dell'Authority nel giudicare Telecom Italia, Vodafone, Mediaset: è per questo che il governo l'ha nominato a capo dell'Authority?

Il governo Berlusconi, e soprattutto il ministro Castelli, non ha sempre sostenuto l'incompatibilità tra incarichi giudiziari e qualsiasi altro incarico? Il giudice Calabrò darà le dimissioni o no dalla magistratura, assumendo la presidenza dell'Authority? Se non dovesse dare le dimissioni, quando smetterà di fare il presidente dell'Authority dovrà rientrare al Tar o al Consiglio di Stato? E allora cosa farà, giudicherà sulle disposizioni che lui stesso ha emanato?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

Marcello Cenni
Calabrò stesso, in qualità di presidente dell' Leggi tutto
21-3-2005 21:05

Pier Luigi Tolardo
Gianni Letta è stato Leggi tutto
21-3-2005 19:34

Aldo Maggiolo
Autority e diritto romano Leggi tutto
21-3-2005 16:36

andrea
"innanzitutto Corrado Calabrò si è appena espresso con un giudizio avveso al ricorso presentato dalla lista Mussolini per la nota questione delle firme false (questione che oggettivamente, al di là del merito, favorisce la maggioranza di governo e potrebbe sembrare un favore)." Peccato che esistano delle cose chiamate... Leggi tutto
21-3-2005 11:31

Emiliano Pancaldi
ma al TAR chi ci va? Leggi tutto
21-3-2005 10:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1435 voti)
Febbraio 2020
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Tutti gli Arretrati


web metrics