Il sapere come bene comune

Una manifestazione fatta di tavole rotonde e incontri con esperti sull'Open Source, la condivisione delle conoscenze, la lotta al precariato intellettuale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-04-2005]

Per iniziativa di Cris Italia e del Secolo della Rete si terrà il 9 aprile a Firenze, presso la Fortezza da Basso, l'incontro "Sapere come bene comune in una libera società della conoscenza".

Una serie di incontri, anche in vista del Wsis di Tunisi del dicembre 2005. Sono molti gli incontri degni di essere menzionati, all'interno della manifestazione: un incontro con Flavia Marzano del Master Open Source dell'Università di Pisa e Andrea Glorioso di Firenze Tecnologia su "Tecnologie libere per la condivisione dei saperi", dalle 11.30 alle 13.30. Sempre dalle 11.30 alle 13.30 in un 'altra sala l'incontro: Media Indipendenti, Media Watching e servizio pubblico con Anna Pizzo (Carta) e Fausto Pellegrini (Rainews24).

Nel pomeriggio, dalle 14.30 alle 18.30 la Conferenza: Condividere Saperi: il Bene Comune della Comunicazione". Verrà introdotta da Claudia Padovani della Campagna CRIS (Communication Rights in the Information Society). Conduce Raffaele Palumbo, Controradio(Radio Popolare Network). Sono previsti dialoghi sui temi del P@tto di Sanremo e il futuro dei diritti digitali, l'informazione geneticamente modificata con i giornalisti Marco Travaglio e Tana De Zulueta, e il rapporto tra saperi e precarietà del lavoro con il sociologo Luciano Gallino e il sindacalista Emilio Viafora.

Durante la manifestazione è prevista una Sagra della copia per masterizzare un proprio Cd o Dvd con software libero e contenuti digitali aperti, una scuola di Trashware per recuperare e riusare vecchi Pc, un'Install Fest per passare a Linux, e un laboratorio su "Costruisci la tua Tv di strada" a cura di Anellimancanti.tv

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (5)

Titolo un pó roboante Leggi tutto
22-4-2005 12:39

Fiorenza mia..... Leggi tutto
7-4-2005 07:28

Ciccio
?? Leggi tutto
6-4-2005 15:54

Aldo Maggiolo
E mettere anche la data? Leggi tutto
6-4-2005 11:11

Giovanni
la data? Leggi tutto
6-4-2005 10:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
''Chi sbarca in Italia va via per non morire, va via perché c'hanno una guerra, un maremoto... come fai a fermarli? Bisogna creare delle strutture intelligenti, inserirli piano piano a fare delle cose perché sono gente straordinaria. E' un processo di cui non se ne può fare a meno. Arrivano, arrivano a riprendersi un pochino di quello che gli abbiamo tolto in 200 anni''. Chi è?
(Vedi poi la soluzione)
Uno che non considera prioritario lo Ius Soli per dare diritti di cittadinanza ai figli della "gente straordinaria" che arriva in Italia.
Uno che non vuole abolire il reato di clandestinità per non portare il suo partito a percentuali da prefisso telefonico.
Uno che ordina ai suoi parlamentari un voto contrario alla legge che ha abolito in Italia il reato penale di clandestinità.
Uno che ha messo come requisito indispensabile per l'appartenenza al suo partito politico la cittadinanza italiana.
Uno che da normale cittadino diceva pacatamente cose di buon senso ma una volta entrato nei meccanismi del potere è costretto a dire e fare minchiate per tenere insieme milioni di ignoranti e razzisti che toglierebbero il voto a proposte pacate e di buon senso.
Tutti quelli nominati finora.

Mostra i risultati (1210 voti)
Luglio 2020
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Tutti gli Arretrati


web metrics