Come ti rifilo il dialer

Sei un webmaster? Allora stai attento: il tuo sito potrebbe essere uno spara-dialer!



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-09-2005]

L'avviso di protezione di Internet Explorer

Un sistema ingegnoso, quanto truffaldino, può trasformare il sito di un incolpevole webmaster, che da un giorno all'altro si ritrova, suo malgrado, a distribuire dialer ai propri visitatori. A causa di qualche defacement del suo sito? No, senza che venga alterata la minima riga del codice da lui scritto. A giudicare dalle segnalazioni giunteci in redazione, il sistema si sta purtroppo diffondendo. Vi spieghiamo quindi come può accadere, come scoprirlo e come prevenirlo.

Step 1
Il nostro webmaster ha creato il suo sito che ha chiamato www.mio_sito.it. Per avere informazioni sui visitatori si abbona ad un servizio gratuito di statistiche sul web, fornito da un altro sito che chiameremo www.statistiche_gratis.it, che gli assegna un link personalizzato da inserire nella home page. Il link potrebbe essere del tipo www.statistiche_gratis.it/logo.asp?utente=27 e contiene uno script capace di tenere traccia del profilo dei visitatori.

Step 2
Dopo un po' di tempo di felice utilizzo del servizio di statistiche, lo script "logo.asp" viene modificato da statistiche_gratis.it con l'aggiunta di una riga di codice. E qui iniziano i problemi del nostro webmaster. Quella riga di codice, infatti, induce il caricamento di un IFRAME nel browser dell'ignaro visitatore. L'IFRAME non è ovviamente visibile perché opportunamente dimensionato di larghezza e altezza nulle. Al proprio interno è richiamato il contenuto di una pagina presente su un altro server, ad esempio www.500XXXX./winasp/msie.htm?id=27. E' difficile che il webmaster si accorga del cambiamento e anche qualora se ne accorgesse vedrebbe in quella pagina solo uno script dall'aria innocente, ad esempio la verifica del browser in uso dal visitatore.

Step 3
Cosa fa in realtà questa nuova pagina caricata nell'IFRAME? Oltre allo script innocuo contiene una parte di codice criptato. Il trucco è qui: in questa porzione di codice sono contenute le istruzioni per caricare un'altra pagina, come in un gioco di scatole cinesi: ad esempio la pagina www.500XXXX./winupg/script.asp?id=27, che proporrà al browser (se vulnerabile) dei navigatori il download del dialer.

Il webmaster, allertato dai propri visitatori, impazzirà nel tentativo di capire l'origine del problema e perderà inutilmente ore a spulciare i propri codici e a verificare i link del proprio sito. Questo finché il sito statistiche_gratis.it riterrà conveniente eliminare la riga di codice aggiuntiva in "logo.asp", ripristinando il normale servizio e soprattutto... senza lasciare tracce.

Nel frattempo gli inconvenienti in cui può incappare il nostro webmaster sono molti e facilmente immaginabili: dalla perdita di immagine, all'allontanamento di potenziali clienti, fino alla possibilità di diventare oggetto di indagine da parte della polizia postale, a seguito di denunce dei visitatori truffati.

C'è però un modo, per fortuna semplice, per accorgersi di quello che viene caricato con una pagina web. Occorre visualizzarla con il browser Firefox in cui sia stata installata l'estensione ADBLOCK. Questa estensione, nata per rimuovere la pubblicità dalle pagine internet, si rileva in questo caso molto utile.

Cliccando sulla scritta "Adblock" in basso a destra del riquadro, come in questa immagine, si apre infatti una finestra che mostra tutti gli elementi caricati dalla finestra (immagini, filmati, script, iframe...) e tra essi è possibile cercare quelli "anomali". Nel caso del nostro webmaster avremmo visto, ad esempio, questa schermata:

Accanto agli elementi legittimi (le due immagini) si notano l'IFRAME aperto nello Step 2 ed il link allo script malevolo richiamato nello Step 3. Da notare che con Firefox, anche visualizzando le informazioni sulla pagina (Tools\Page info), non avremmo visto niente di sospetto: tutti i link visualizzati sono solo quelli legittimi.

Il consiglio che possiamo dare, per ridurre i rischi di diventare vittime di queste persone senza scrupoli, è duplice: per quanto riguarda la navigazione web evitare di utilizzare un browser che gestisce gli ActiveX (ad esempio Internet Explorer) o comunque se proprio si desidera usarlo, tenere gli script (vbscript e javascript) disattivati; mentre per quanto riguarda i webmaster il suggerimento è quello di diffidare dei servizi completamente gratuiti forniti da siti dei quali non è più che certa l'integrità morale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

conseguenza: niente contatori gratis Leggi tutto
13-6-2006 07:32

se volete un esempio, con nome e cognome di un servizio di statistiche con il "regalo", qui ce n'è uno: http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&postid=8450448
30-9-2005 01:25

ceppo
1)Il dialer non lo vedete (a coloro che hanno messo un contatore che fa aprire il dialer)perchè il gestore del counter ha escluso furbamente l'IP del webmaster;per controllare aprite il sito da un altro pc con altra linea telefonica e vedete..2)I nomi di chi usa dialer insieme al contatore non conviene farli poichè si... Leggi tutto
28-9-2005 11:29

donatello
e infatti parlavo di approccio "a sorgente aperto" Leggi tutto
16-9-2005 20:18

Aggiunta d'obbligo. Qualora il software di statistiche fosse stato opensource, ciò non avrebbe risolto il problema. Poichè il software gira sulla macchina di chi offre il servizio, egli non è obbligato a diffondere le modifiche al sorgente (ipotizzando come licenza la classica GPL2). Vale a dire, potrei fare un server... Leggi tutto
16-9-2005 09:44

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando partecipi a una discussione, che cosa ti infastidisce al punto da spingerti ad abbandonarla?
L'accorgermi che l'argomento che mi interessa viene trattato con troppa superficialità.
Scoprire che un mio interlocutore cerca di convincermi della sua idea anziché confrontarsi sul tema.
Trovare, fra le persone con cui discuto, qualcuno arrogante e supponente.
Vedere che alcuni si esprimono in un pessimo italiano.
Notare che l'interlocutore si basa su fatti palesemente fasulli per motivare le sue affermazioni.

Mostra i risultati (2818 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics