Sony installa rootkit spacciandoli per DRM

Individuato un malware in alcuni Cd musicali in grado di infettare Windows. AGGIORNAMENTO - Scoperto il primo Trojan che utilizza il Sony DRM.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2005]

Foto di Katia Grimmer

Mark Russinovich ha colto Sony con le mani nel sacco. Il noto programmatore di Sysinternals ha dettagliatamente descritto nel suo blog come in alcuni cd della Sony venga inserito un software di Digital Rights Management (DRM) che si installa sui Pc con sistema operativo Windows e attua dei comportamenti in tutto e per tutto simili a quelli di un rootkit. Con questo termine viene identificato un particolare tipo di malware in grado di rendersi invisibile mascherando la sua esecuzione e permettendo il più delle volte l'apertura di una backdoor a chi lo ha installato sulla macchina vittima.

In pratica in alcuni Cd musicali della Sony viene inserito un player musicale che consente l'ascolto su pc con sistema Windows. In aggiunta al programma viene installato un sistema di DRM chiamato Extended Copy Protection (XCP)sviluppato da First 4 Internet Ltd che può essere classificato a tutti gli effetti come un rootkit. Il software di DRM tenta di mascherare le cartelle di installazione, le chiavi di registro e i processi rendendosi invisibile a Esplora risorse di Windows.

Oltre a risultare invisibile il software non fornisce alcuna routine di disinstallazione dal sistema. Russinovich è riuscito a individuare il rootkit e a rimuoverlo solo grazie all'utilizzo di programmi specifici quali RootKit Revealer, un debugger, il disassambler IDA Pro, Regmon e Filemon oltre al classico Regedit di Windows.

Oltre al ricercatore di Sysinternals in queste ore anche la casa produttrice di antivirus F-Secure sta dando risalto alla notizia del Sony-rootkit accusando esplicitamente la multinazionale nipponica di installare un software spia, potenzialmente sfruttabile da altri malware per infettare un sistema senza essere individuati da alcun antivirus in commercio. L'unico sistema per individuare la presenza del rootkit è ricorrere a tool specifici come RootKit Revealer e BlackLight.

Non sappiamo quali saranno le reazioni della Sony alle critiche mosse dagli esperti di sicurezza ma di certo il malware individuato da Russinovich è un segnale importante che deve far riflettere sull'arroganza delle multinazionali dell'audio/video nei confronti della libertà degli utenti.

AGGIORNAMENTO: Sony rilascia il kit di disinstallazione del rootkit. Con questo passo indietro vergognoso, la major nipponica ammette di aver fatto lo sgarro. Una figuraccia di dimensioni colossali.

AGGIORNAMENTO - Scoperto il primo Trojan che utilizza il Sony DRM

Oggi (10 novembre 2005) alle ore 12,15 i laboratori di BitDefender hanno scoperto l'esistenza di un nuovo trojan che usufruisce della copertura fornita dal Sony DRM per passare inosservato. Si tratta del primo caso di malware in grado di utlizzare il Sony DRM con rootkit scoperto e studiato da Mark Russinovich.

Sembra che il trojan installi un IRC backdoor sul sistema colpito e che possa avere altre funzioni.

"Ci siamo resi conto dell'esistenza di un malware in grado di sfruttare le capacità di nascondersi del Sony DRM per il proprio tornaconto. BitDefender ha quindi aggiornato il proprio software in modo che possegga capacità di rilevamento euristico nei confronti di tutti i software che utilizzano tale tecnica. Il trojan non si è ancora diffuso in maniera allarmante, ma la sua sola esistenza è una conferma alle nostre proccupazioni" ha dichiarato Viorel Canja, Capo dei Laboratori BitDefender.

Gli utilizzatori di BitDefender sono protetti da tale minaccia, dato che il trojan viene rilevato in maniera proattiva e bloccato. Un aggiornamento della firma è attualmente in corso, per poter aiutare gli amministratori ad identificare il nuovo pericolo.

Sul sito internet di BitDefender è presente una completa analisi tecnica di questo malware, oltre ad un approfondimento dell'articolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

{MaXXX}
uahauahauah CAMBIO DI POLITICA Leggi tutto
23-11-2005 22:27

aggiornamento pare che anche il tool preparato in fretta e furia da Sony per rimuovere il suo malware....possa essere pericoloso e creare problemi[/url] Sony pare stia provvedendo a preparare [url=http://forum.zeusnews.com/link/4681]un nuovo tool...
18-11-2005 16:14

AGGIORNAMENTO - Scoperto il primo Trojan che utilizza il Sony DRM.
10-11-2005 16:22

{Francesco}
nota al [4] Leggi tutto
7-11-2005 14:51

{Oronzo}
Mai più SONY. Leggi tutto
6-11-2005 23:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (786 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics