Arriva OpenOffice 2.0 in italiano

Maggiore compatibilità, velocità di esecuzione e un modulo database tutto nuovo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-11-2005]

Lo splash screen di OOo2

Aria di festa nella comunità del free software: a pochi giorni dall'uscita della versione in inglese, la versione italiana della suite office alternativa, OpenOffice.org 2.0 è finalmente disponibile per il download. La pagina è accessibile anche attraverso il sito italiano, gestito dal Progetto Linguistico Italiano OpenOffice.org (PLIO).

La suite per ufficio, nata nell'ottobre del 2000 con la donazione del codice sorgente di StarOffice alla comunità da parte di Sun Microsystems, giunge ora alla sua seconda generazione. In soli cinque anni si è affermata come l'alternativa più valida a Microsoft Office, con 100 milioni di utenti e una quota di mercato intorno al 10% (dati Forrester, IDC e Soreon Research).

Grazie alle nuove funzionalità di importazione ed esportazione, che rasentano la perfezione, OpenOffice 2.0 è facile da usare e dialoga senza problemi con le altre suite per ufficio.

Caratteristica principale è l'uso di un formato dei documenti libero ed aperto (ODF, Open Document Format) definito dal consorzio OASIS e riconosciuto da molti governi, tra cui l'Unione Europea e il Massachusetts, come il formato di riferimento per i documenti da ufficio.

OpenOffice.org 2.0 è disponibile ufficialmente in 36 lingue, ufficiosamente sono molte di più, mentre altre sono ancora in fase di localizzazione. Gira in modo nativo in ambiente Windows, Linux, Solaris e Mac OS X (X11), ed è già presente all'interno di numerose distribuzioni Linux. È distribuito sotto licenza GNU Lesser General Public Licence (LGPL).

Accanto alle caratteristiche usuali, la nuova versione è caratterizzata da un'interfaccia completamente rinnovata, dal nuovo modulo Base per la gestione di database, e da una serie di caratteristiche introdotte su richiesta degli utenti, come il miglioramento della gestione delle tabelle per il programma Writer.

OpenOffice.org si propone di superare le barriere del digital divide, permettendo a chiunque di usufruire, liberamente e gratuitamente, di uno strumento di produttività avanzato nella propria lingua di origine, anche negli angoli più remoti e linguisticamente caratterizzati del pianeta. E' così che sono nate le undici versioni in lingua bantu, quelle in lingua armena e gaelica, e quella in lingua maori.

Sviluppato da una comunità che include Sun, Novell, Red Hat, Debian, Propylon, Intel e Google, e da un gruppo di programmatori, traduttori, redattori volontari e indipendenti, OpenOffice 2.0 è una palese dimostrazione delle potenzialità della comunità open source.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

Visualizzazione documenti in OpenOffice Leggi tutto
29-3-2006 11:35

{Renato Lavarini}
L'ho installato Leggi tutto
14-11-2005 12:25

{Ciriman}
ma la gestione della posta? Leggi tutto
9-11-2005 16:49

{Giuseppe}
Era Ora! Leggi tutto
8-11-2005 20:41

{mikepz}
debug? Leggi tutto
8-11-2005 16:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecnologie ti sembra la pi¨ rivoluzionaria?
1. Stampa 3D: le piccole stampanti possono sostituire le grandi fabbriche, risparmiando anche sui materiali.
2. Macchine CNC: lavori di qualitÓ, un tempo appalto degli artigiani, ora sono disponibili a tutti.
3. Genomica avanzata: conoscere il genoma significa avere medicine pi¨ efficaci e comprendere meglio il mondo.
4. Controllare i dispositivi col cervello: una nuova speranza per quanti hanno perso la mobilitÓ, parzialmente o completamente.
5. Robotica avanzata: automatizzare i lavori pericolosi o che richiedono attenzione costante aumenta la sicurezza.

Mostra i risultati (1295 voti)
Ottobre 2020
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Windows 10 e i driver che vengono dal passato
Settembre 2020
Se tutte le auto fossero elettriche, quanta energia in più servirebbe?
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Tutti gli Arretrati


web metrics