L'odio in Rete

Dai siti ultras alla Jihad: il lato oscuro della Rete



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2006]

odio in rete

Tutti abbiamo seguito in questi giorni le vicende accadute negli stadi di calcio, in particolare all'Olimpico di Roma. L'eco delle polemiche seguite all'esposizione, da parte di gruppi di tifosi, di striscioni e cartelli di chiaro contenuto razzista e antisemita, con canti di inni e slogan di sapore analogo e con l'adozione di simboli che richiamano il passato fascista, come l'effigie di Mussolini, la svastica o la croce celtica, non si è ancora sopito.

Molti, però, ignorano che il tifo degli ultras, anche e soprattutto quello venato e infiltrato da nostalgie di destra, ha nel Web uno dei suo canali di diffusione migliori, uno degli strumenti di aggregazione e proselitismo più efficaci.

Di tutto ciò si occupa una attualissima pubblicazione, edita da Il Mulino, dal titolo L'odio in Rete, di Antonio Roversi, docente di Sociologia della Comunicazione e Strategie della Comunicazione multimediale all'Università di Bologna, uno dei maggiori studiosi della comunicazione in Rete in Italia.

Roversi non si limita al fenomeno degli ultras neofascisti ma prende in esame anche il neofascismo online e la jihad elettronica, cioé i siti del fondamentalismo islamico: lo fa, come dice lui, in una ricerca che è "un po' di desk e un po' sul campo", perché fatta tutta navigando dal PC e quindi da proprio tavolo da lavoro ma esplorando l'ambiente, cioè la Rete. Ad esempio ci parla del sito Kommando Fascista, un sito che, appena contattato, mostra una finestra in cui inserire il proprio nome per essere salutato come "Camerata...", un sito che fa del revisionismo, cioè della negazione dei crimini storici del nazifascismo, il proprio punto di forza. Poi Roversi ci descrive un altro sito antisemita, avvertendoci che "non ci sono parole per definirlo": Holy War, un sito cattolico ultraconservatore, che rifiuta il Concilio Vaticano II e che definisce Papa Wojtyla un papa anticattolico. E' un'antologia raccapricciante dell'antisemitismo di ogni epoca, riporta la lista di tutte le famiglie ebree italiane e fa apologia del nazismo.

Roversi cita anche Dux Award come la directory più aggiornata e completa dei siti neofascisti e neonazisti italiani. Il Centro Wiesenthal, il noto Centro di documentazione sulle persecuzioni antiebraiche, ogni anno pubblica un cd-rom sui siti dell'estrema destra radicale sparsi in tutto il mondo e stima che siano circa quarantamila. Roversi non contesta questo rapporto ma precisa che un folto numero di questi siti tende a scomparire dopo un certo tempo mentre molti altri sono stati abbandonati dai loro gestori.

Infine i siti del fondamentalismo terrorista islamico, e tra questi Roversi ne cita uno, particolarmente odioso, Al Fateh, un sito creato da Hamas appositamente per i bambini, per educarli alla Jihad contro Israele e l'Occidente.

Esperienze molto diverse e distanti, dunque, ma che convergono a formare quello che Roversi chiama "il lato oscuro della Rete": uomini e donne che nutrono un sentimento antico che si pensava prosciugato dal processo di civilizzazione o quantomeno relegato in qualche nicchia inoffensiva, e che oggi utilizza il più moderno tra tutti i sistemi di comunicazione.

Aggiornamento

Ci scrive Lorenzo Contucci, webmaster del sito As Roma Ultras, citato nel libro di Roversi. Contucci precisa: "Il sito As Roma Ultras nulla ha a che fare con Franco Freda né, tantomeno con ideologie di destra. Quei riferimenti, semmai, sono attribuibili ad altri siti web non curati dal sottoscritto, che si occupa di sottoculture giovanili da diverso tempo".

Scheda
Titolo: L'odio in Rete
Sottotitolo: Siti ultras, nazifascismo online, jihad elettronica
Autore: Antonio Roversi
Editore: Il Mulino
Prezzo: 12 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

{utente anonimo}
Libero vi copia le notizie. Qui cambiano le parole, ma dicono sostanzialmente le stesse cose, smentita compresa!http://magazine.libero.it/internetlife/scienzaeweb/ne2067.phtml
18-5-2007 08:04

{Bruno Zavettieri}
la storia che i regimi comunisti che ci sono stati nel nostro mondo non seguono in realtà i principi di marx è una cosa di cui non vale neanche discutere dato che marx nel suo libro prendeva in grande considerazione la rivoluzione intesa come lotta armata alla borghesia quindi mi sembra abbastanza inutile fare queste... Leggi tutto
10-2-2006 00:16

.Riccardo.
L'odio in Rete Leggi tutto
9-2-2006 12:06

falce e martello Leggi tutto
9-2-2006 12:01

{utente anonimo}
e il livorno.... Leggi tutto
9-2-2006 11:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste famose "leggi" condividi maggiormente?
Un oggetto cadrÓ sempre in modo da produrre il maggiore danno possibile.
Qualsiasi cosa vada male, avrÓ probabilmente l'aria di andare benissimo.
Per ottenere un prestito bisogna provare di non averne bisogno.
L'altra coda va sempre pi¨ veloce.
A qualunque cosa si stia lavorando, non appena si mette via uno strumento, certi di aver finito di usarlo, immediatamente se ne avrÓ bisogno.
Si troverÓ sempre una qualsiasi cosa nell'ultimo posto in cui la si cerca.
Le probabilitÓ che un giovane maschio incontri una giovane femmina attraente e disponibile aumentano in proporzione geometrica quando Ŕ in compagnia della fidanzata, della moglie o di un amico pi¨ ricco.
Prima o poi la peggiore combinazione possibile di circostanze Ŕ destinata a prodursi.
La necessitÓ procura strani compagni di letto.
Per quanto uno cerchi e si informi prima di comprare un qualsiasi articolo, lo troverÓ a minor prezzo da un'altra parte non appena l'avrÓ acquistato.

Mostra i risultati (2770 voti)
Marzo 2023
La IA di Bing adesso genera anche le immagini
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Liberare spazio in una casella Gmail senza eliminare le mail
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 marzo


web metrics