Frequenze Low Power, una contraddizione italiana

C'è una vecchia e pericolosa falla nella privacy dei cittadini italiani: le comunicazioni tra le forze dell'ordine.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-10-2006]

Scaffali pieni di radio

Mentre tutti si preoccupano, con tanto di dibattito parlamentare e leggi riparatorie, di intercettazioni telefoniche, un gigantesco problema di sicurezza e riservatezza viene curiosamente trascurato.

Perché crucciarsi di pochi individui in possesso di tecnologie sofisticate, quando, con macchine di poco prezzo, acquistate al supermercato, è possibile intercettare le comunicazioni delle forze dell'ordine? È la domanda che si sono posti a Costozero e che hanno presto girato, sotto forma di lettera aperta, alle autorità politiche in materia.

Dal 2002, gli apparati LPD (Low Power Device) sono di libero utilizzo, senza bisogno di dichiarare alcunché. Questo significa nessun controllo su apparati economici ed efficienti, dalla portata fino a 2 Km (in spazi aperti). Questi apparecchi, tecnicamente, possono operare sia su canali leciti, sia su quelli vietati, riservati alle forze dell'ordine.

Qualcosa non quadra: lo si capisce dal piano nazionale delle frequenze, approvato con decreto ministeriale 8 luglio 2002, il quale stabilisce che è possibile vendere apparati che coprano i canali vietati, ma "fino al 31 dicembre 2004".

Questa norma avrebbe dovuto eliminare questo tipo di macchine almeno dal commercio al dettaglio. Ma pare che si possano tranquillamente trovare ancora, grazie a una semplice avvertenza nel manuale di utilizzo, che suona più o meno così: "Ti diamo una macchina che funziona su 69 canali, ma tu puoi usare solo i primi 21".

"Non mettiamo in dubbio che un onesto cittadino non stazionerà sulle frequenze riservate alle forze dell'ordine," si legge nella lettera di Costozero, "se non per errore (errore nel quale è comunque facile cadere) o ignoranza".

Il problema potrebbe essere il cittadino non onesto: "se i delinquenti possono ascoltare le comunicazioni delle forze dell'ordine, non sempre criptate," continua la lettera, "che fine fa la sicurezza dei cittadini?"

"Se chiunque può ascoltare le quotidiane comunicazioni tra le volanti e le centrali mentre vengono identificati gli automobilisti fermati per gli ordinari controlli, che fine fa la privacy dei cittadini?"

Costozero è un movimento che si batte per una comunicazione libera e gratuita. Nel suo sito si possono trovare alcune chicche, tra cui Copyzero, il sistema più geek (ed efficace) di tutela delle opere, nelle mani degli autori. O ancora le licenze Copyzero X, le uniche che non accettano compromessi con la DRM (Digital Rights Management).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Altro che 69 canali!! Su certi LPD di fascia alta tagli un ponticello di filo rosso e, invece che da 433 a 434 Mhz su canali predefiniti, puoi ricetrasmettere da 415 a 470 Mhz in completa libertā, con tanto di shift per i ponti, subtoni, etc!!! Altra magia: metti una goccia di stagno sulle piazzole ben evidenti come da fotocopia che... Leggi tutto
19-10-2006 23:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A partire da quale etā č utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (3338 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics