Scuola: la fine dei furbetti?

Da oggi fare le tesine copiando i testi da Internet sarà poco conveniente. E' stato approntato un software in grado di analizzare un testo e determinare se è tutto frutto dell'autore o se questi ha "preso in prestito" stralci altrui.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2001]

Furbacchioni e studenti lazzaroni, tremate! Questo sembra essere il grido di battaglia di mister Blommfield, professore dell'Università della Virginia che, stanco delle ripetute voci sulla scarsa serietà degli studenti dei suoi corsi, ha messo a punto un programma in grado di analizzare un documento, una relazione, una tesina che dir si voglia e affermare con certezza assoluta se il contenuto risulta plagiato da documenti presenti in rete.

In buona sostanza, con un semplice software gli studenti che praticano opera di copia e incolla da altri testi per produrre le proprie ricerche potranno essere facilmente smascherati. Il limite consentito è di 500 parole "altrui", superato il quale si incorre nella segnalazione. Le segnalazioni dovrebbero quindi riguardare solo i casi di copiatura selvaggia.

Le voci sulla svogliatezza degli studenti del prof. Bloomfield non dovevano essere poi così infondate: su 1800 ricerche consegnate al dovente, ben 122 sono state scoperte dal programma del vendicatore in cattedra. Le prime 122 vittime verranno ora sottoposte al vaglio dell'Honor Committee che ha il potere di espellere gli studenti dall'Ateneo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto sei dipendente dal tuo smartphone?
Non posseggo uno smart phone.
Spesso lo dimentico e quando lo porto con me a volte lo lascio o lo dimentico spento.
Lo utilizzo con una certa frequenza, ma ne potrei fare a meno.
Per lavoro Ť un compagno inseparabile, ma alla sera e nei week-end lo spengo volentieri.
Lo porto sempre con me: senza mi sentirei incompleto.

Mostra i risultati (4101 voti)
Luglio 2019
Auto elettriche, arriva l'obbligo che facciano rumore
Modalità incognito per i siti a luci rosse? Google e Facebook ti tracciano lo stesso
WhatsApp, la truffa passa attraverso i file multimediali
Galileo fuori uso da quattro giorni, forse è colpa di un guasto in Italia
Lo pneumatico senz'aria di Michelin e GM
Track This inganna gli algoritmi pubblicitari (aprendo 100 schede!)
L'app che spoglia nude le donne in pochi secondi
Giugno 2019
Quattordicenne crea malware che rende inutilizzabili i dispositivi IoT
Fusione TIM e Open Fiber, un'operazione senza alternative
Apple richiama i MacBook Pro: rischiano di prendere fuoco
Falla zero-day in Firefox, gli hacker la stanno già sfruttando
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
Tutti gli Arretrati


web metrics