La parte abitata della Rete

Un agile vademecum per informatizzati e non.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-03-2007]

copertina

Nega decisamente di essere un manuale e meno che mai un saggio, l'ultima fatica di Sergio Maistrello; preferisce definirsi una "guida turistica" per i visitatori della Rete, ma in effetti l'autore racconta (e soprattutto si racconta) scrivendo a ruota libera di progetti luoghi virtuali e riflessioni personali circa gli aspetti più moderni e inconsueti del web.

Prendono così vita il social networking e il podcasting con i loro riflessi e implicazioni sociali ed economici, entra nel vivo del blog spiegandocene non solo il come ma soprattutto il perché, racconta l'avventura di Wikipedia e l'affermarsi dei feed con l'accento meravigliato di un bambino che trova la chiave di tutte le domande e di tutte le risposte.

L'azzeccata metafora cittadina de "La parte abitata della Rete" sicuramente non costituisce semplice opera di divulgazione; forse quello di Maistrello non neppure è un manuale, anche se è ben presente un risvolto tecnico e documentale; può anche darsi che non sia neppure un saggio, anche se l'approfondimento dei vari argomenti fa capire quanto l'autore abbia elaborato l'informazione cercando di sviscerarne gli aspetti e e la sostanza.

In realtà si tratta di un godibilissimo e aggiornato testo di approfondimento, che può essere scorso -e magari anche studiato- a più livelli a seconda degli interessi specifici del lettore e del suo livello di cultura informatica, ma offre nel contempo più di uno spunto di riflessione "filosofica" a chi voglia cimentarsi in tal senso. Il tutto esposto con un uso sapiente dell'espressione, che non diventa mai pesante per i non informatici anche quando necessariamente scende nel tecnico.

La bibliografia in riferimento è abbondante e degna di una tesi di laurea, anche se probabilmente tutto l'essenziale si trova già argomentato nei diversi capitoli; nel complesso un libro di agevole lettura ma anche compendioso, che può essere letto d'un fiato ma anche trovare idonea collocazione sulla scrivania, a portata di mano per una "dritta" o anche solo una sbirciatina nelle pause di lavoro.

Scheda:
Titolo: La parte abitata della Rete
Autore: Sergio Maistrello
Editore: Tecniche Nuove, Milano
Pagine 173
Prezzo: 14,90 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1977 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics