Come Internet trasforma il mercato di massa

Esce in Italia un saggio del direttore di Wired su come Internet stia trasformando il mercato di massa in una massa di mercati.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-03-2007]

Ogni anno siamo tormentati da Sanremo, ma soprattutto dal tormentone di Sanremo: quanti telespettatori avrà in più o in meno rispetto all'anno scorso, quanto spendere e chi chiamare come conduttori e ospiti per cercare, se non di battere, almeno mantenere gli ascolti dell'anno prima.

E' una sfida impossibile e già persa in partenza: il mercato della Tv di massa che teneva insieme decine di milioni di persone non si può più ricreare; se Confalonieri e Cappon hanno bisogno di mantenerlo il più possibile e Baudo lo rimpiange perché è tutta la sua vita, non c'è più niente da fare: "I maschi tra i diciotto e i trentaquattro anni, da sempre il punto di riferimento dei pubblicitari, stanno cominciando a spegnere la televisione, e a dedicarsi a un altro tipo di schermo, quello del computer: internet e videogiochi. Gli share dei programmi televisivi sono in diminuzione da decenni, e quello che oggi è il programma numero uno negli anni Settanta non sarebbe nemmeno entrato nella top ten..

Questo vale anche per i Cd, i libri e tanti altri prodotti, culturali e non, di massa. Ce lo dice Chris Anderson, direttore della "bibbia di Internet" Wired, nel suo libro appena tradotto in Italia dalla casa editrice torinese Codice, dal titolo "La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati".

Anderson raffronta la sua esperienza di quando era adolescente ed esplodeva la cultura di massa a quella di Ben, un sedicenne americano cresciuto con Internet. Ben guarda pochissima Tv, ma scarica un mucchio di film e musica con BitTorrent, che sono in parte diversi, nella compilazione del "suo" palinsesto personale da quelli di milioni di altri adolescenti.

E' un "mercato di nicchie" che si può comprendere con queste cifre: la metà dei 10.000 libri più venduti di una grande libreria non vende nemmeno una copia a trimestre; analogamente, la metà dei 10.000 Cd più venduti nella grande catena di supermarket Usa Wal-Mart, non vende nemmeno una copia a trimestre.

Da questi dati l'autore ricava la teoria della coda lunga: tutte quelle nicchie, quando aggregate, possono equivalere a un mercato significativo".

Nessun magazzino può contenere queste "nicchie", lo dimostra il fatto di come dopo pochi mesi qualunque libro, che non sia un classico o il best-seller dell'anno, non si possa più trovare neanche in una grande libreria; ma la Rete rende tutto questo possibile, elimina i costi di magazzino, con la distribuzione digitale dei contenuti e segna una rivoluzione nel marketing e nell'industria culturale di cui ancora non siamo in gradi di valutare in pieno tutte le conseguenze.

Scheda
Titolo: La coda lunga
Sottotitolo: Da un mercato di massa a una massa di mercati
Autore: Chris Anderson
Editore: Codice
Prezzo: 19 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Ricevi un'email con un allegato Word dal nome “Addebiti”. Cosa fai?
Scarico il file e lo apro. Dev'essere qualcosa di importante
Prima di aprirlo, scansiono il file alla ricerca di eventuali virus
Inoltro l'email alla mia banca o alla mia azienda
Cancello il messaggio

Mostra i risultati (3381 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics