Bill Gates, grane in Vista

Microsoft coinvolta per "pubblicità ingannevole" riguardo ai PC in grado di eseguire il suo sistema operativo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-04-2007]

Ancor prima della presentazione di Windows Vista, Microsoft lanciò la campagna pubblicitaria che tutti conosciamo, consentendo tra l'altro ai produttori di personal computer di creare un adesivo da applicare alle loro macchine attestante che erano in grado di eseguire normalmente il nuovissimo sistema operativo.

E' vero che probabilmente tutti i PC con una dotazione media sono in grado di eseguire le operazioni basilari; la musica cambia però quando si vanno a richiedere funzioni avanzate che necessitano di dotazioni hardware ben sopra la media soprattutto per quanto attiene la grafica.

La denunzia, presentata alla Corte del Distretto Occidentale di Washington, eccepisce che l'adozione del logo Windows Vista Capable ha tratto in errore decine di migliaia di consumatori, ignari delle limitazioni che avrebbero incontrato a causa della insufficiente dotazione delle macchine; e Microsoft avrebbe coscientemente giocato sull'equivoco, provocando un danno economico che si aggira sui 5 milioni di dollari e ha coinvolto oltre 10 mila persone.

Ovviamente, la Casa di Redmond si chiama fuori, asserendo di aver fatto ogni sforzo per avvisare fabbricanti commercianti e consumatori circa i requisiti minimi hardware occorrenti, a seconda delle diverse versioni di Vista, ben documentati e reperibili facilmente online. Resta il fatto che problemi del tutto simili si verificarono all'epoca del rilascio di Windows XP, che addirittura si rifiutava di girare sui PC meno aggiornati.

Nelle sue controdeduzioni Microsoft tuttavia dimentica di aver venduto -di riffe o di raffe- oltre 20 milioni di licenze Windows Vista già durante il primo mese di lancio e che i suoi sistemi operativi, installati sul 95% dei personal, rappresentano le maggiori entrate con circa il 75% delle ricavo complessivo: il sospetto del "non olet" non sembra poi così privo di fondamento.

Tra le altre "grane" che si profilano all'orizzonte, due sono di una certa importanza. La prima riguarda un'ennesima patch in corso di urgente rilascio, che riguarderebbe un'accertata vulnerabilità -Vista inclusa- dei file con estensione .ani utilizzati per personalizzare il cursore e che, secondo il capo della ricerca di F-Secure Mikko Hypponen, permetterebbero attacchi via web e per email.

La seconda consiste nel rifiuto di concordare un termine entro il quale gli scopritori di falle dovrebbero astenersi dal renderle pubbliche dopo averne informati i produttori del software.

Mozilla indica trenta giorni, ma Microsoft non ci sente; forse ancora crede, o preferisce far credere, che i suoi programmi non siano poi così "bacati" da dover prefigurare tempi certi di intervento. O forse teme di esporsi a richieste di danno, una volta accertata la data di formale comunicazione dell'esistenza del difetto software.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Guardate che per avere le stesse (secondo me di più) cose in Win2000 basta : https://lg3d.dev.java.net/it/index.html per il resto qualche utility open, dunque Vista è inutile tutta la serie di problemi fantozziani che comporta. Insomma la morale della favole è NON FATEVI FREGARE DALLA PUBBLICITA' !! Ciao Leggi tutto
6-4-2007 02:10

{lupopz}
tutta acqua per il mulino di linuxdell ha già preso atto della tendenza
5-4-2007 09:54

Microsoft & guai in.. Vista Leggi tutto
5-4-2007 08:52

Ecco, il modo in cui hai scritto M$ mi ha fatto venire in mente un'altra possibile risposta: il prezzo! (che varia non poco da una versione all'altra) p.s. (osp! "Visto che" ... proprio il metodo migliore per iniziare un messaggio su Vista :wink: ) Leggi tutto
4-4-2007 16:51

Eheheh, bisognerebbe domandarlo a M$ :shock: Leggi tutto
4-4-2007 14:52

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1231 voti)
Febbraio 2020
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Tutti gli Arretrati


web metrics