Il walkman con il Wi-Fi di SanDisk

L'iPod ha un concorrente con una marcia in più, ma il vantaggio pare incolmabile quanto meno sotto il profilo strettamente commerciale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2007]

sandisk

Dall'alto dei suoi cento milioni di iPod venduti stando alle ultime rilevazioni, Apple non avrebbe da preoccuparsi della concorrenza, neppure se portata da un gigante del calibro di Microsoft. Eppure se così tempestiva è stata la pubblicazione dei risultati complessivi di vendita, un qualche preciso motivo deve esserci, giacché nulla avviene per caso in un mondo dove tutti i segreti commerciali sono il segreto di Pulcinella e principalmente lo sviluppo dei prodotti.

Perciò "l'apparecchio più venduto nella storia dei walkman" e che "occupa il 75% del mercato negli USA" secondo le statistiche dovute al gruppo indipendente National Purchase Diary qualche trasalimento deve averlo avuto, nella persona dei responsabili di marketing.

Invece di ricorrere vanamente a scopiazzature più o meno riuscite del prodotto Apple, in casa SanDisk si sono inventati qualcosa di nuovo. Non nell'hardware, in cui non pare ci sia spazio per qualcosa di veramente innovativo e neppure nel software; ma senza strafare, nell'accorta gestione di entrambi gli aspetti tecnologici dell'apparecchiatura.

In partnership con Yahoo, SanDisk è certa di aver centrato l'obiettivo realizzando un nuovo modo di scaricare e organizzare i propri brani musicali senza dover necessariamente passare da un server tipo iTunes + Pc; l'uovo di Colombo stavolta assume l'aspetto e le funzioni di un walkman in tecnologia Wi-Fi, permettendo tra l'altro la gestione dei contatti di Yahoo Messenger e la visualizzazione delle foto su Flickr con 4 Gbyte di disco a disposizione.

Con una spesa di 12 o 15 dollari mensili -che rapportati ad un anno non sono cosa da poco- Sansa Connect e200 scarica direttamente qualsiasi brano del catalogo on line di Yahoo Music Unlimited; tagliato il cordone ombelicale con il computer, il nuovo apparecchio diventa del tutto indipendente, differenziandosi anche da Zune di Microsoft, in cui la funzione Wi-Fi si limita all'interscambio di brani tra i vari riproduttori connessi tra loro. E' il giusto scotto da pagare per l'insostenibile e pervicace rincorsa all'esasperato DRM in un mondo di utenti che di vincoli non vuol sentir parlare, magari pagando qualcosina in più a sostegno delle fatiche di autori e compositori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerÓ sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Pu˛ certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben pi¨ seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (4120 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics