Deaglio: gli hacker di Tavaroli sabotarono le elezioni del 2006

Il direttore di Diario torna sullo scandalo dei presunti brogli elettorali del 2006 in un nuovo film documentario: gli hacker della Telecom sarebbero penetrati nel computer del Viminale.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-05-2007]

Foto di Kristen Price

Enrico Deaglio, direttore del settimanale Diario, aveva fatto discutere molto nell'autunno 2006, con il suo film, distribuito in centinaia di migliaia di copie, in cui aveva ipotizzato un complotto, basato sulla raccolta elettronica dei risultati, che avrebbe fatto sparire milioni di schede bianche attribuendole alla Casa della Libertà di Silvio Berlusconi nelle politiche 2006, che decisero la vittoria di Prodi con una margine risicatissimo di consensi, nonostante i sondaggi gli attribuissero una vittoria più decisa, con il conseguente attuale problema che la maggioranza è inesistente al Senato.

Deaglio ritorna sull'ipotesi del broglio elettorale berlusconiano con un nuovo Dvd dal titolo Gli imbroglioni allegato a un numero speciale del suo settimanale.

In questo Dvd cerca di confutare le molte critiche alla sua accusa di un tasso assolutamente anomalo di schede bianche nelle politiche, critiche basate sul fatto che una elevata presenza di liste con il sistema proporzionale scoraggia le schede bianche e favorisce la scelta, che i controlli di molte Corti d'Appello, gestite anche da magistrati di simpatie di sinistra, avrebbero dovuto far emergere lo scandalo prima della denuncia di Deaglio.

Deaglio introduce il tema del voto dei Testimoni di Geova: quasi seicentomila elettori che, da sempre e per scelta religiosa, si recano a votare ma votano sempre e comunque scheda bianca, concludendo che le schede bianche degli italiani non possono coincidere quasi del tutto con quello espresse dai soli Testimoni di Geova.

Per Deaglio la chiave di volta dello scandalo dei presunti brogli elettorali sarebbe il gruppo di hacker alle dipendenze di Telecom Italia, il Tiger Team diretto da Fabio Ghioni, collaboratore stretto di Giuliano Tavaroli, capo della security Telecom Italia.

Oggi Tavaroli, Ghioni e i giovani hacker Telecom sono agli arresti da mesi, accusati di accesso abusivo ai sistemi informatici del Corriere della Sera, di Vodafone, di Fastweb e di banche dati dello Stato.

Telecom era l'azienda capofila nella gestione del voto elettronico del 2006; ci fu un preoccupante e mai chiarito blackout delle linee telefoniche del ministero degli interni la sera dello scrutinio. Gli hacker di Tavaroli-Ghioni erano incaricati di garantire la sicurezza del cervellone del Viminale, individuarono quella sera un attacco e sospesero per qualche ora il filtro di protezione del cervellone stesso, da quello che, secondo Deaglio, avrebbero dichiarato alti funzionari del ministero degli interni.

La tattica di fingere attacchi informatici per occuparsi della protezione dei dati e così carpirli o manipolarli pare fosse una delle più usate da Ghioni. Inoltre, appare chiaro il fil rouge tra Tronchetti Provera, datore di lavoro di Tavaroli a cui dava carta bianca e Berlusconi e il suo entourage.

Tronchetti Provera è stato fino all'ultimo difeso da Berlusconi nella sua contesa con Prodi; Tavaroli è stato protetto, fino all'ultimo, da Gianni Letta in nome di presunti suoi meriti nella lotta al terrorismo mediorientale che avrebbe portato avanti insieme al Sismi.

Grande avversario del Sismi era stato l'attuale capo della polizia Gianni De Gennaro, stretto collaboratore del ministro dell'interno Beppe Pisanu, che non si sarebbe prestato al broglio elettorale e per questo, al suo posto, alla testa del comitato di controllo dei servizi segreti, che spetta all'opposizione, sarebbe stato scelto Scajola, considerato più leale a Berlusconi.

E' un'ipotesi da romanzo di Le Carrè, che però ha molti (troppi) punti di contatto con la realtà e vicende realmente accadute.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 16)

{Antonio.}
Deaglio dovrebbe spiegare come mai nel 2008 e nel 2013 le schede bianche sono rimaste basse anche se il centrodestra era fuori dal ministero,ma non lo fa. Se la sua tesi è esatta la quantità fisiologica di schede bianche dovrebbe essere di un milione e mezzo. Nel 2006 trova strano che siano state solo 440000. Però... Leggi tutto
7-9-2013 12:03

Giusto, e alle volte anche gli utenti che mangiano i crackers sbriciolando sullla tastiera. Leggi tutto
24-5-2007 14:50

ma sempre co stì' poveri hacker (esperti informatici), cosa hanno fatto di male? sono i cracker (pirati informatici) a fare danni!
23-5-2007 21:29

....pappagallo?!??! Leggi tutto
23-5-2007 10:13

Sì, e ciascuno è libero di interpretare come vuole il pensiero e le parole altrui. Caro FreeSpirit, fra la mia affermazione e la tua c'è una certa differenza. Se avessi detto quanto hai affermato avresti ragione a fare una affermazione come la tua. Purtroppo ho solo ribadito due cose fondamentali in una democrazia che si rispetti: il... Leggi tutto
23-5-2007 09:30

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Completa la frase con quella che ritieni più opportuna, oppure aggiungi una risposta nei commenti. Secondo te, il networking online attraverso i siti social...
Serve a costruirsi un'efficiente rete professionale.
E' particolarmente utile per cercare opportunità di lavoro.
Serve a comunicare la qualità di saper lavorare in team.
E' un'opportunità che sfruttano soprattutto i più giovani.
Elimina le barriere geografiche.
Accorcia le distanze tra amici e famigliari.
Serve a tenersi sempre aggiornati.
Permette di stabilire relazioni rilevanti.
E' lo strumento per eccellenza per creare solide relazioni professionali.
Consente di comunicare i propri successi lavorativi.
E' utile per chiedere una raccomandazione.

Mostra i risultati (933 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics