La pubblicità, lo shopping e i ritardi cronici di Microsoft

Sempre più progetti vengono posticipati, l'ultimo è il convertitore Office per Mac. Ma forse questa è la vera strategia del colosso di Redmond



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2007]

In pochi giorni a Redmond si sono accorti di avere fermo l'orologio su diversi progetti. A parte il clamoroso ritardo su Windows Vista e l'abbandono di Viridian per non parlare che dei più recenti, tocca ora al convertitore per Macintosh che dovrebbe assicurare la contabilità di Office 2004 con il formato XML di Office 2007 di Vista.

La presentazione di quest'ultimo progetto d'altronde era già stato spostato da fine 2006 a marzo-aprile 2007; oggi Manda Lefèbvre, direttore di marketing per il settore Macintosh, se ne esce a dire che hanno preferito dare la precedenza alla suite Office 2008 e che era disponibile per il download un programmino per convertire gli archivi con estensione .doc in formato RTF egualmente leggibili da Office che da Mac OS X; altri convertitori sarebbero stati disponibili per Excel e Power Point probabilmente entro la prossima estate.

Fin qui nulla di nuovo, ormai questa canzone la conosciamo bene. Ma forse occorre fare una piccola riflessione, se ricordiamo che più o meno nelle stesse ore salta fuori l'acquisto di un gigante della pubblicità online del peso di aQuantive per "appena" 6 miliardi di dollari, oltretutto strapagandolo rispetto al valore di borsa.

Non è il solo acquisto "pesante" da fine anno a oggi e forse altri ne seguiranno nel prossimo futuro, magari con la famosa joint venture con Yahoo! di cui tutti parlano tranne i diretti interessati.

Microsoft è un'azienda che ha un bilancio da far invidia a moltissimi stati, che con una mano ripetutamente spende miliardi senza batter ciglio mentre con l'altra si porta a casa commesse altrettanto miliardarie con Linovo; è possibile che si areni sui ritardi di produzione software avendo -oltretutto- la capacità economica di sopperire alle difficoltà destinando se del caso maggiori risorse umane e finanziarie ai progetti stessi?

Quasi quasi viene il sospetto che il ritardo cronico faccia parte di una qualche strategia commerciale, che nella stanza del potere a Redmond circoli l'idea che è meglio una pubblicità varia, costante e gratuita anche se negativa indotta dall'attesa infinita, piuttosto che (o meglio affiancata da) una pubblicità onerosa e ripetitiva.

E' un ragionamento da ancien régime, del tipo "se ne parli, anche male, purché se ne parli" piuttosto che un brusio atonico di sottofondo prodotto da mille spot imperversanti su questo o su quello, che poi nessuno guarderebbe più limitandosi a subirli con rassegnazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Mi pare di ricordare che originariamente StarOffice fosse gratuito, fino alla realise 6.0, ora alla 8 ma fermo da un paio di anni per cui la versione gratuita probabilmente oggi vale quanto quella a pagamento tranne alcune cose marginali che poco interessano all'utente comune. Certo che se si potesse implementare una versione per... Leggi tutto
21-5-2007 00:33

Dimentichi che alla Apple dopo aver scaricato IE per un progetto loro SAFARI (in collaborazione con KDE) e altri progetti MS per altri fornitori, adesso stanno progettando un Office tutto loro in collaborazione con la SUN, quella di StarOffice che la sua forma Open si chiama OpenOffice. Questo SCARICAMENTO dovuto secondo i... Leggi tutto
20-5-2007 23:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
S, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho gi uno smart watch: il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2934 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics