De Rita contro il monopolio di Alice

Il fondatore del Censis e illustre sociologo Giuseppe De Rita si scaglia contro gli oligopoli informatici e telematici italiani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-07-2007]

Chi è Giuseppe De Rita? Un pericoloso hacker, un estremista no global, un sovversivo? No, niente di tutto questo: De Rita è un anziano professore di sociologia, cattolico e per molto tempo democristiano, già presidente del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro (sesta carica dello Stato), consulente per le più importanti aziende italiane e poi fondatore del Censis, il maggiore isituto di ricerche sociali che ogni anno fotografa il Paese e i suoi abitanti, l'inventore della formula "piccolo è bello" per spiegare un'economia italiana basata sulle piccole e piccolissime imprese familiari.

Per questo non può non stupire l'attacco inusitato che il patriarca della sociologia italiana ha mosso contro Telecom Italia, ma anche con le arretratezze italiane in fatto di innovazione di innovazione digitale.

De Rita ha affermato: "Sono stato costretto a stipulare due diversi abbonamenti per la rete internet. Avevo Alice, ma con il mio nuovo Apple è incompatibile. E così ho dovuto fare un altro abbonamento. Un incidente che il gestore poteva evitare facilmente."

"Il 70% del mercato della banda larga in Italia è di aziende monopoliste o ex monopoliste, vicina a percentuali come quelle della Cina; mentre la Germania in pochi anni, è passata dal 90% al 51%".

Se lo dice perfino uno come De Rita, che non è mai stato innamorato del mercato e del liberismo, che ha sempre creduto anche nel ruolo dello Stato, c'è da crederci.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (4)

Eddai, un poco di comprensione! un sociologo di 75 anni non sa neppure più da che parte infilarsi i pannoloni! Avesse almeno fatto un po' di gavetta ai suoi tempi al reparto verniciatura della Fiat, invece di trovare un posto bello caldo da figlio di papà subito dopo la laurea (che comunque non pare fosse così da sballo come le cose... Leggi tutto
5-7-2007 16:55

{Marco}
Blogger italiani.. ma quale innovazione.. Leggi tutto
4-7-2007 16:52

{martini}
Apple incompatibile ??? Leggi tutto
4-7-2007 16:07

{Limo}
Incompatibile? Leggi tutto
4-7-2007 12:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il momento della giornata in cui ti senti più creativo?
Alla mattina presto
A metà mattinata
All'ora di pranzo
Nel primo pomeriggio
Nel tardo pomeriggio
All'ora di cena
Di sera
A notte fonda
In un qualsiasi momento
Non sono per niente creativo

Mostra i risultati (2072 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics