Un altro passo avanti contro il Cybersquatting

La corte federale di giustizia americana ha decretato che anche i nomi a dominio simili o confondibili possono rientrare nella fattispecie di Cybersquatting.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2001]

Dagli Stati Uniti arriva una notizia interessante sulle vicende legate ai nomi a dominio. Secondo una recente sentenza della corte federale di giustizia, sarebbe vietato registrare nomi a dominio anche solo confondibili con quelli appartenenti ad altri soggetti legittimati all'uso del marchio. In sostanza quindi, non solo non si possono registrare nomi a dominio con marchi o nomi di aziende e persone legittimamente detentrici di quello stesso marchio o nome, ma nemmeno è possibile utilizzare indirizzi web che risultino per il pubblico confondibili con quelli di marchi o nomi altrui. In sostanza questo dovrebbe segnare la fine di tutti quei siti come www.whitehouse.com che sfruttano il nome della celebre istituzione statunitense (il cui vero indirizzo è www.whitehouse.gov) per trattare argomenti non propri ortodossi.

La motivazione di tale decisione e la legittimità del giudizio è stata attribuita all'Anticybersquatting Act che consente al giudice di dichiarare illegittima la registrazione di nomi a dominio confondibili con quelli dei legittimi titolari di marchi o nomi. La legge prevede però un triplice giudizio di controllo prima di permettere alle istituzioni di censurare un sito web: innanzitutto le autorità devono stabilire se il sito originale è titolare di un marchio registrato e sottoposto a tutela legale; secondariamente devono appurare se il sito denunciato per cybersquatting ha un nome a dominio identico o simile e confondibile con quello del marchio originale; infine occorre dimostrare che il pirata informatico abbia agito per finalità di lucro ed in mala fede. In tal modo sembra essere tutto sommato preservato il legittimo diritto a registrare come nome a dominio il nome di battesimo della propria star preferita per ricavarne un fans - club amatoriale.

La decisione che sicuramente segna un'evoluzione notevole nella tutela dei nomi a dominio ed al contempo dei diritti degli utenti del Web è stata presa in seguito al fenomeno registratosi qualche tempo fa e che ha visto controbattere in giudizio il famoso sito di cartoon Joe Cartoon tenuto da Joseph Shields (noto cartoonist sulla rete) ed il "rivenditore" di domini Internet John Zuccarini. Quest'ultimo aveva infatti registrato numerose varianti del noto sito (come ad esempio www.joecartoons.com, www.joescartoon.com ecc.) ed aveva stipulato partnership commerciali con aziende private per l'esposizione di alcuni banner che gli consentivano una revenue ogni volta che venivano cliccati. A questo punto il gioco è stato fin troppo semplice per Zuccarini che si è limitato a predisporre una vera e propria trappola per gli utenti del web che digitavano erroneamente l'URL di Joe Cartoon e si ritrovavano tra numerosi banner senza possibilità di fari altro che non fosse fare click su uno di questi.

Zuccarini ha così goduto indisturbato di una fonte di incassi praticamente gratuita, basata però sulla buona fede della gente e degli utenti web, ma fortunatamente questa decisione della corte federale ha segnato un esempio per tutti nella giungla dei nomi a dominio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre. Quale di queste affermazioni ti senti di condividere maggiormente?
Le donne spesso sono additate come più pettegole degli uomini e ritenute meno simpatiche.
Le donne hanno più difficoltà degli uomini a ricevere il giusto credito quando partecipano a progetti di gruppo.
Le donne sono giudicate più severamente degli uomini per il loro aspetto.
Le donne in genere ricevono delle proposte economiche più basse degli uomini, a parità di posizione.
Le donne sono ritenute non qualificate fino a quando non hanno dato prova di esserlo, agli uomini accade meno spesso.
Le donne vengono promosse in base ai risultati, gli uomini (anche) in base al potenziale.
Le donne spesso non vengono invitate tanto quanto gli uomini a eventi di socializzazione come le uscite al pub o a vedere le partite.

Mostra i risultati (1173 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics