Scaricava musica, multa di 222 mila dollari

La Recording Industry Association of America se la prende con gli studenti e le madri di famiglia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-10-2007]

riaa

Alcuni giorni fa la giustizia americana ha condannato una casalinga e madre di due studentelli - certa Jemmie Thomas - al pagamento di ben 222.000 dollari (poco più di 157.000 euro) per violazione di copyright e aver condiviso sull'internet file musicali protetti dal DRM.

La sostanza del dibattimento svoltosi presso un tribunale del Minnesota, è presto riassumibile: nel 2005 secondo la Riaa sarebbero stati condivisi 1702 file tramite la rete Kazaa; la società Safenet, incaricata dalle major di tracciare i pirati, deve evidentemente aver avuto accesso diretto al computer della Thomas, poiché ha dichiarato che che la stessa, dopo aver ricevuto una diffida dalla Riaa, aveva sostituito l'hard disk per cancellare le tracce dell'illecito.

Tuttavia "mamma downloading" com'è stata subito soprannominata dai media, ha sempre negato ogni addebito, preferendo affrontare le spese di giudizio di circa 60.000 dollari in luogo di una transazione che avrebbe potuto aggirarsi su una cifra attorno ai 4.000, convinta che l'impossibilità di stabilire chi avesse in effetti manovrato il computer alle date e alle ore indicate dalla Safenet avrebbe costituito un valido motivo di assoluzione.

Invece così non è stato, essendole stata irrogata un'ammenda di 9.250 dollari per ogni brano scaricato; e buon per lei che la Riaa sia stata in grado di indicare soltanto 24 opere protette.

Ovviamente le reazioni sono state molteplici e di segno opposto; mentre le major osannavano all'imparzialità dei giudici, la Electronic Frontier Foundation ha deplorato l'accaduto sperando che la sentenza venga ribaltata in appello.

Ira Rothken, avvocato noto per aver difeso siti di peer-to-peer come TorrentSpy, faceva notare che una cosa è lucrare sulla distribuzione di brani contraffatti, mentre altra cosa è condividere i brani durante lo scaricamento, che è un fatto non volontario ma insito nella tecnologia del P2P, e quindi cosa ben diversa da una violazione del copyright.

Se dovesse essere confermata in appello, ovviamente la sentenza farebbe storia; anche perché secondo l'ordinamento giuridico americano le sentenze non si limitano a fare giurisprudenza ma sono norme del diritto positivo; stabilire il principio che la responsabilità (in questo caso penale) è dell'intestatario della fattura e non di chi abbia materialmente commesso l'illecito è una forzatura giuridica non da poco.

La decisione segue di pochi giorni un'analoga azione intrapresa contro gli studenti di diverse università, accusati di illegali download mediante i computer della struttura o le proprie macchine collegate al web dall'interno dei campus.

Anche qui la faccenda è seria; da un lato evidentemente la tecnologia usata dagli spioni - di chiara derivazione militare - consente l'accesso diretto alle macchine in barba a qualsiasi discorso sulla privacy; dall'altro è intuibile che i vari dirigenti accademici sono disposti ad adoperare il pugno di ferro contro gli studenti, se non altro per paura di perdere i cospicui finanziamenti delle aziende che, chi più chi meno, sono sensibili ai problemi derivanti dalle violazioni del diritto d'autore.

Resta il fatto incontrovertibile che negli USA, forse a causa dei timori dipanati dopo l'11 settembre, la privacy è un concetto ormai svuotato di significato pratico, visto che ormai si sottomette correntemente il diritto naturale agli interessi monetari di questo e quello; ma anche in questo caso ci si chiede cosa si voglia ottenere da parte di chi si atteggia ad alfiere del diritto e della libertà nel mondo.

Chi nutrisse dubbi in merito alla deriva giuridica in corso al di là dell'Atlantico, potrebbe cominciare a chiedersi i motivi del congelamento del giudizio dello Stato contro Microsoft (la violazione delle sacre norme sul commercio è reato federale) la quale, portabandiera di una discreta fetta del business USA è stata - almeno per ora - messa nell'angolo dalla vecchia Europa; che forse capisce poco di affari ma in definitiva non ha ancora scordato di essere stata la patria del diritto e la terra delle lotta per la libertà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Major dovrà risarcire il ''pirata'' accusato ingiustamente

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

{Inversione Bastiana}
Download album gratis Leggi tutto
12-10-2007 16:33

io che mi voglio fare un cd con le immagini delle vacanze o metterle sulla chiavetta usb, devo pagare loro il 10%, perche PER IPOTESI questi possano essere utilizzati a danno loro???? Cioè questa è la demovrazia del 2007???? bah :shock: Leggi tutto
10-10-2007 20:20

Ma infatti è un secolo che io non compro più un CD. Le canzoni le ascolto alla radio o alla TV. Leggi tutto
9-10-2007 19:25

pero' non mi piace il condizionale. perche' continuate tutti a dire bisognerebbe anche una per un' azione cosi' banale come smettere di acquistare cd. Smettete di comprarli, punto e basta e vi accorgerete che si riesce a vivere bene lo stesso anche senza musica. -------------------------------------- Mi viene in mente una seconda... Leggi tutto
8-10-2007 20:43

Il ritorno del vinile Leggi tutto
8-10-2007 20:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai un'idea nel cassetto e ti piacerebbe aprire una startup per realizzarla. Che cosa ti frena?
Non ho i soldi per farla partire
Il momento economico non è favorevole
Non ho ancora trovato le persone giuste con cui farlo
E' troppo rischioso per me
Non sono sicuro di riuscire a portarlo a termine
Sarebbe troppo complicato, indipendentemente dai soldi
Non mi sento portato a fare l'imprenditore
E' solo un sogno e in realtà non credo che lo farei
Per un altro motivo e cioè...

Mostra i risultati (1255 voti)
Aprile 2020
Violata Email.it: sottratti dati di 600.000 utenti, password comprese
5G e coronavirus, cittadini danno fuoco alle torri della telefonia
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Tutti gli Arretrati


web metrics