Proprietà intellettuale, è guerra ai tamarri

Aveva camuffato la sua Pontiac da Ferrari, rischia tre anni di carcere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-10-2007]

Abatantuono su sfondo Ferrari

Cosa c'è di più tamarro che circolare, in una città come Roma, con una Ferrari? Solo una cosa: circolare, in una città come Roma, con una Pontiac taroccata da Ferrari.

È quello che devono aver pensato le fiamme gialle capitoline quando hanno denunciato un giovane romano, per il solo fatto che la sua auto, che a prima vista sembrava una Ferrari F355 GTS, era solo una misera Pontiac GMC, ma, secondo l'agenzia AGR, "contraffatta decisamente bene".

Con questa delirante notizia, apprendiamo due cose: che c'è in giro della gente che è disposta a pagare per avere una falsa Ferrari, e che questo è un reato.

Di quale delitto si sarà mai macchiato il giovane truzzo? Di oltraggio al pudore? Di lesa maestà (vista la fama, spesso immeritata, di cui gode il marchio del cavallino rampante presso gli italiani)? No, di contraffazione. E rischia addirittura fino a tre anni di reclusione.

La notizia è talmente ridicola da sembrare una burla: il malcapitato sarebbe reo di aver taroccato un oggetto di sua proprietà, e per questo passerà probabilmente un guaio.

Stupisce la seriosa contrizione dei media, che, accigliati, trattano la modifica di quattro lamiere come il peggiore dei delitti. Nessuno ha ancora espresso dubbi sull'eccesso di zelo della guardia di finanza.

Certo, si indaga sull'eventuale presenza di un'organizzazione internazionale di taroccamento, fatta di carrozzieri e commercianti senza scrupoli, ma per il momento a farne le spese è un coatto di trent'anni, magari un po' sbruffone, ma niente di più.

Dopo i ragazzini che fanno peer to peer, dopo i vucumprà che vendono le borse contraffatte, viene da pensare che la nuova frontiera della proprietà intellettuale sia la lotta al tamarro.

Alcuni ricorderanno il terrunciello, uno dei primi personaggi creati da Diego Abatantuono: da buon truzzo, aveva modificato la sua Ape Piaggio per farla sembrare una Golf GTI. Allora, forse Abatantuono non sapeva che fosse illecito: chissà se si beccherà una denuncia per apologia di reato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

Non ho parole... invece di andare a pizzicare i grandi evasori rompono il °§*-* agli sfigati, e le TV ne parlano pure.
17-9-2008 10:16

sono stato testimone di un paio di casi del genere.... credo che sia mooooolto piu comodo prendersela con un truzzetto che fa il bullo, che con la peugeot, o con le organizzazioni mafiose....anche se per logica non ci dovrebbero essere eccezioni visto che "la legge è uguale per tutti" Leggi tutto
2-11-2007 12:45

{fiammegialle}
....'na strunzata veramente...... Leggi tutto
31-10-2007 23:20

a montecatini terme esiste un azienda che fa queste taroccature... leggo che trasforma vecchie classe C mercedes in nuove classe C per esempio.. ma anche una golf in una bora... ben in evidenzia nei suoi opuscoli che lascia a ogni raduno tuning in zona toscana (ne ho uno in casa di qualche anno fa, da cui ho preso le informazioni). non... Leggi tutto
14-10-2007 18:07

ho fatto il tuo stesso pensiero..... Leggi tutto
8-10-2007 21:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (398 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics