One Laptop Per Child, ma con Windows XP

Microsoft sta lavorando per portare Windows sull'ex Pc da 100 dollari, nato per montare Linux.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-10-2007]

XO

L'iniziativa One Laptop Per Child, di tanto in tanto, fa parlare di sé: una volta per l'hardware, una volta per il software, una volta per il prezzo. Si tratta di un progetto che attira quanti si interessano d'informatica, ma non solo.

Tra tutta questa gente, finora, Microsoft non si era ancora mischiata. Forse perché la Fondazione OLPC aveva deciso di avvalersi di una versione di Linux derivata da Fedora, al fine di avere un sistema leggero per un portatile che "semplicemente funzioni", per dirla alla Apple.

Entro un paio di settimane la produzione dei portatili XO dovrebbe iniziare e dare quindi forma concreta all'idea di Negroponte, anche se dai 100 dollari del prezzo originale si è dovuti salire a 188. Decisamente meno, ad ogni modo, di qualunque altro portatile esistente.

Ora che siamo quindi alle battute finali, Microsoft fa sentire la propria voce. Senza fretta, conscia probabilmente che per il momento l'associazione XO-Linux è fatta, visti i tempi, ha fatto notare che c'è anche lei, e ha una proposta.

La proposta si chiama Windows Xp, adattato in una versione tale da poter girare sul modesto - per le richieste standard di Windows - hardware di XO.

Will Pooe ha rivelato a InformationWeek che Microsoft sta spendendo su questo progetto "una somma di denaro non indifferente. Stiamo lavorando duramente. Ma ci vorranno ancora alcuni mesi, per lo meno".

Secondo Wayan Vota, che in un blog segue le vicende dell'iniziativa OLPC, Microsoft teme che la gente realizzi "che c'è un'alternativa a Windows, e potrebbero preferirla".

Resterà poi da vedere come la versione alleggerita di Windows XP verrà distribuita: se è poco plausibile un appoggio da parte della OLPC, è probabile che Microsoft fornirà il proprio sistema tramite i canali tradizionali. Fisserà quindi un prezzo, si può immaginare. E perché qualcuno dovrebbe comprarlo, quando già c'è un sistema fornito gratuitamente insieme al laptop?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 14)

Mica lo sappiamo come sono andate esattamente le cose. Tra l'altro l'eventuale gara d'appalto non può certo prevedere un accordo illimitato nel tempo e/o nelle forniture. Probabile che, quindi, esaurito l'accordo l'obbligo di fornire Mandriva verrà a mancare in maniera naturale (finisce il contratto, e anche i suoi effetti).
3-11-2007 12:02

Ma infatti l'idea che mi da quella lettera e' che il governo Nigeriano abbia prima fatto le cose "regolari", tipo un normale gara d'appalto, ha accettato l'offerta di Mandriva, senonche' qualcuno poi ci ha ripensato. E dato che il ripensamento comporta solo oneri aggiuntivi per il governo nigeriano, pare evidente che ci sia... Leggi tutto
3-11-2007 11:54

Non bisogna fermarsi alle apparenze. Molto probabilmente dietro ci saranno accordi commerciali per cui, dopo aver evaso gli ordini con Mandriva, il governo nigeriano adotterà esclusivamente Windows & derivati. D'altra parte qui non si tratta di accordi per l'adozione di software a pagamento al posto di software... Leggi tutto
3-11-2007 11:39

OT per la cronaca: Scam=truffa basata sul social engineering attraverso mail che promettono facili guadagni dietro versamento di anticipi in denaro. Lo scam nigeriano èla truffa che fa leva sulla storiella dello sconosciuto che non riuscirebbe a sbloccare un conto in banca di milioni di $$$ ed essendo un personaggio molto in vista nel... Leggi tutto
3-11-2007 10:43

Peggio ancora, si ricomprano il sistema operativo e pure il software! Effettivamente lo scam non e' quella gran conquista dell'informatica. Leggi tutto
3-11-2007 10:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1828 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 gennaio


web metrics