Tra due settimane il Googlefonino

Google dovrebbe presentare a breve la propria piattaforma integrata di servizi per i telefoni cellulari di nuova generazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-10-2007]

Foto di Marja Flick-Buijs

Le voci e le indiscrezioni che in questi mesi sono variamente emerse sembrano avere un fondamento: secondo il Wall Street Journal, entro due settimane Google presenterà la propria soluzione per la telefonia cellulare.

Il cosiddetto Googlefonino non sarà un singolo e identificabile prodotto hardware, ma piuttosto una piattaforma che integrerà la telefonia mobile con i servizi già offerti da Google.

La compagnia di Mountain View avrebbe già stretto accordi con la taiwanese Htc e la sudcoreana LG per la produzione di cellulari equipaggiati di software fornito dalla grande G.

Si presume che tali apparecchi integreranno applicazioni quali il motore di ricerca, Maps, GMail e persino YouTube. L'idea sottostante è creare un nuovo concetto di social networking unendo Google Maps, il supporto al Gps, la rubrica dei contatti e la navigazione sul web.

Inoltre i Googlefonini saranno altamente personalizzabili: basati su un sistema aperto, permetterebbero modifiche di ogni tipo e aggiunte da terze parti di programmi e utilità.

Voci non confermate né smentite danno inoltre Google in trattativa con i provider Deutsche Telekom per gli Stati Uniti e con la francese Orange e l'inglese 3 Uk per l'Europa.

La preoccupazione principale, un classico quando c'è di mezzo Google, è l'eventuale rischio al quale possa essere esposta la privacy. L'unione di tanti servizi personalizzati che fanno uso di informazioni sensibili pongono questioni sulla riservatezza e sulle modalità di conservazione dei dati.

Il Wall Street Journal, per esempio, ventila la possibilità che le preferenze possano essere usate per fornire pubblicità personalizzate agli utilizzatori del telefonino. Se poi questa sia una cosa buona, magari mirata a contenere il prezzo, o un'invasione dello spazio personale, è difficile da definire.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{stefano}
anch'io.. Leggi tutto
31-10-2007 10:01

HTC + Google? un pensierino ce lo farei...
31-10-2007 09:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quando cerchi un brano musicale, o un intero Cd, cosa fai pi spesso?
Scarico il brano o il Cd su iTunes: costa poco ed legale.
Scarico l'Mp3 con Torrent o eMule o altro servizio simile.
Ascolto la canzone in streaming (per esempio su Youtube), anche se non posso scaricare l'Mp3.
Vado nel mio negozio di dischi o maxistore preferito.
Altro.

Mostra i risultati (3436 voti)
Novembre 2019
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Smartphone e batteria, con la modalità scura si risparmia davvero
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Tutti gli Arretrati


web metrics