I rivenditori inglesi: eliminate il Drm

L'associazione inglese dei rivenditori di prodotti per l'intrattenimento chiede che venga tolto il Drm, o non riusciranno a vendere più niente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-11-2007]

Foto di Marc Dietrich

Un po' lo si pensava tutti ma si sa, le case discografiche non ascoltano il senso comune.

Ora però è la Era (Entertainment Retailers Association), l'associazione che rappresenta i rivenditori inglesi di prodotti di intrattenimento - come Dvd, giochi e musica - a dire che la gestione dei diritti digitali non funziona. Anzi, è proprio deleteria.

Ultimamente le vendite di musica nel Regno Unito hanno subito un vistoso calo. Il ragionamento dei discografici è stato quello che ci si poteva aspettare: se calano le vendite è perché la gente scarica e mette in condivisione invece di comperare; rafforziamo quindi il Drm e vietiamo alla gente di utilizzare ciò che hanno acquistato come vogliono, così da impedire la diffusione illegale.

Questa linea di condotta non ha migliorato le vendite, però un effetto lo ha ottenuto: ha fatto arrabbiare i rivenditori.

Il direttore della Era, Kim Bayley, ha dichiarato al Financial Times che i meccanismi di protezione dalla copia "soffocano la crescita e lavorano contro gli interessi dei consumatori".

A tutti è chiaro - e un recente studio svolto proprio in Gran Bretagna lo conferma, casomai ce ne fosse bisogno - che i consumatori preferiscono acquistare musica libera da legacci. Se però tutta la musica è protetta, allora si preferisce non comprare piuttosto che ritrovarsi con un prodotto che, magari, non funziona sul lettore Cd della propria auto, come già accaduto.

I rivenditori inglesi chiedono quindi l'abolizione del Drm se non si vuole vedere crollare il mercato così in basso che non si rialzerà più e i consumatori sono anche pronti ad acquistare prodotti che non costino un'esagerazione e di cui possano fare quello che vogliono, avendoli comprati e pagati. Ci sarebbero vantaggi per chi compra, per chi vende e per chi produce.

E ciò è chiaro a tutti, meno che ai discografici; in Inghilterra come da noi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

non credo che la soluzione migliore sia cambiare i rivenditori......pittosto mi soffermermeri su queste frasi: nell'interesse dei rivenditori e non solo. :wink: Leggi tutto
26-11-2007 12:32

{utente anonimo}
E allora cambiamoli sti rivenditori!! No?? :-)
24-11-2007 00:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2091 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics