Google vuole l'elettricità ecologica

La società di Mountain View lancia un progetto per liberare il mondo dalla schiavitù del carbone puntando sulle fonti rinnovabili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2007]

Foto via Fotolia

Gli interessi di Google non si limitano all'informatica. Con il lancio dell'iniziativa REfonti energetiche alternative: solare innanzitutto, ma anche eolica e geotermica.

"Il nostro obiettivo" - ha dichiarato Larry Page, uno dei fondatori di Google - "è produrre un gigawatt di energia rinnovabile che sia più economica del carbone. Riteniamo che possa essere fatto in anni, non in decenni".

Attualmente, dice il comunicato stampa, il 40% dell'elettricità mondiale è prodotta dal carbone, sistema che produce una gran quantità di gas serra. Essere i primi a liberare il mondo dalla dipendenza da questo combustibile fossile può essere un ottimo affare, per Google.

"Se raggiungeremo questo obiettivo, il mondo potrà soddisfare una porzione sostanziale del bisogno di elettricità usando risorse rinnovabili e ridurre in modo significativo le emissioni. Ci aspettiamo che questo sia anche un buon affare per noi".

Google prevede di spendere in ricerca e sviluppo decine di milioni di dollari nel 2008, ma evidentemente si aspetta che questo investimento porti ricadute positive sul bilancio dell'azienda.

Secondo Lassy Brilliant, direttore esecutivo di Google.org - "il braccio filantropico di Google" - "La speranza di Google.org è che finanziando ricerche su tecnologie promettenti, investendo in nuove compagnie promettenti, e facendo molta ricerca e sviluppo noi stessi, possiamo aiutare a far brillare la rivoluzione dell'elettricità verde".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

ehhe.. hai capito , no? è bene nn illudersi Leggi tutto
6-12-2007 19:36

Naturalmente no... Però una cosa è interessarsi ell'eco per beneficiarne subito a iniziare dall'aspetto fiscale, tutt'altra cosa è ottenere poi benefici reali e farne beneficiare tutti gli altri, possibilmente gratis. Ma questo mi pare un periodo ipotetico di terzo tipo :dho: Leggi tutto
5-12-2007 21:34

appunto, è sempre meglio di niente, anche se non gliene fregasse niente .. preferivate che anzi inneggiasse al carbone?
5-12-2007 12:04

Confermo: in questo caso i sicuri effetti benefici sono infinitamente superiori alle presunte ipocrisie che stanno alla base di certe critiche. Io credo che iniziative di questo genere siano sempre le benvenute, a patto che abbiano successo. :wink:
2-12-2007 00:52

facciamo finta che dell'effetto serra non gliene frega... 1) ci guadagna in immagine, e chi se ne frega 2) non paga tasse, e chi se ne frega 3) non inquina, positivo 4) da una spinta all'energia ecologica, positivo io la vedo una cosa positiva, no?
30-11-2007 09:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1252 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics