Fioroni censura i videofonini nelle scuole

L'editto Fioroni sul blackout dei videofonini scolastici ricorda la famosa censura-esplulsione del 1966 degli autori del giornalino scolastico "La zanzara". Previste multe fino a 30mila euro, oltre che espulsioni e bocciature.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-11-2007]

Tomasz Trojanowski

Fioroni, Ministro della Pubblica Istruzione, va giù durissimo con un provvedimento che mette al bando i cellulari dalle scuole italiane. Quei cellulari che, durante prove di esame e compiti in classe, devono essere trattenuti dagli insegnanti e dai bidelli, quei cellulari di cui molti regolamenti scolastici impongono lo spegnimento e il non uso durante le ore di lezione, anche giustamente, ma che possono essere utilizzati fra un'ora e l'altra e durante la ricreazione.

Infatti, una nuova circolare appena emanata da Fioroni, concertata con il Garante della privacy, proibisce le riprese fotografiche e video "non autorizzati" negli edifici scolastici; non autorizzati, si intende, dal dirigente scolastico, la figura che ha sostituito il preside o il direttore didattico, e non da organi collegiali, come i consigli di istituto o i collegi dei docenti o i singoli docenti.

Oggi tutti i cellulari in dotazione ai ragazzi sono dotati di fotocamera integrata, possono effettuare brevi video, spesso sono terminali Umts per le videocomunicazioni; in sostanza, il provvedimento espelle i cellulari dalla scuola italiana e sembra dettato (come tanta legislazione del governo Prodi) dall'ondata emotiva suscitata da recentissimi episodi di "tecnobullismo", tipo lo spogliarello indegno a cui sarebbe stato sottoposto un ragazzo down e poi mandato in Rete, o nuovi episodi di distribuzione di foto e filmati osè di adolescenti, via cellulare, in diverse zone del Paese.

Le sanzioni per chi sgarra saranno durissime: multe da 3 a 18 mila euro e nei casi più gravi da 4 a 30 mila euro, che possono essere comminate dall'Autorità garante della privacy; ci saranno poi delle misure disciplinari che dovranno essere irrogate dall'autorità scolastica, come la sospensione da uno a dieci giorni, l'espulsione per un anno, la bocciatura, la votazione bassa in condotta, i lavori supplementari e via dicendo.

In pratica nessun genitore, per evitare di pagare simili cifre (che nessuna assicurazione per ora copre) lascerà andare il ragazzo con il cellulare a scuola o vorrà mandarlo con un modello senza fotocamera, anche se è possibile sempre la trasmissione solo in audio di lezioni e la loro registrazione, che potrebbero anch'esse essere sanzionate.

Probabilmente, alcuni gestori potrebbero offrire servizi di blocco del telefonino per alcune ore, per esempio il mattino, ma è certo che molte scuole non hanno più nemmeno il telefono pubblico a moneta e potrebbe essere un problema anche chiamare a casa per qualunque motivo.

Non si attenderà molto, probabilmente, nelle scuole italiane, per assistere a nuovi casi "Zanzara del Parini": il famoso episodio del liceo milanese Parini, frequentato da figli della buona borghesia, in cui tre ragazzi, redattori del giornalino scolastico, pubblicarono nel lontano 1966 un'inchiesta sui costumi sessuali dei loro compagni e compagne.

Per questo furono espulsi, portati in questura e processati per aver pubblicato un giornalino abusivamente (850 copie), in barba alle leggi sulla stampa, e per istigazione alla corruzione di minorenni.

Anche ora, qualunque videogiornale o videoinchiesta realizzato a scuola, con videocamere digitali e videofonini e messo in Internet o girato via wireless, su temi che non piacessero al preside, potrebbe costare molto caro ai giovani Gad Lerner (o Vespa) in erba.

Intanto, c'è da attendersi una risposta non morbida da parte degli studenti delle superiori contro Fioroni: sarà paragonato al fascista Gentile, nonostante sia uno dei leader del veltroniano (Veltroni da giovane era un videomaker e studiava in un istituto professionale pubblico per cameraman dove ha preso la maturità e la figlia fa l'aiuto regista di Muccino), con scioperi, occupazioni, manifestazioni. Un inverno caldissimo dei telefonini attende la scuola italiana.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{MariaRobertaCimberle}
La censura non c'entra niente Leggi tutto
8-1-2008 13:04

Puro buon senso... e ce ne vorrebbe un po' di più. Pura educazione... e ce ne vorrebbe un po' di più. Puro rispetto... e ce ne vorrebb eun po' di più. Sui luoghi di lavoro i cell. dovrebbero stare spenti, soprattutto se il loro uso disturba il resto dei presenti... e la scuola è un luogo di lavoro. Invece i genitori dei... Leggi tutto
5-12-2007 11:04

Effettivamente ... Leggi tutto
1-12-2007 22:56

Strumentalizzare tutto ? Leggi tutto
1-12-2007 12:05

I videofonini in classe sono altamente illegali! Leggi tutto
30-11-2007 23:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la cosa che ti spaventa di più tra queste?
(Confronta i risultati con i timori degli abitanti negli USA nel 2014)
La clonazione della mia carta di credito.
Essere vittima di furto di identità.
Un attentato terroristico nella mia città.
L'accesso al mio conto bancario online da parte di malintenzionati.
Essere colpito da un malware informatico.
Un'epidemia sanitaria come l'ebola o l'aviaria.
La difficoltà a tirare avanti finanziariamente.
L'aumento del crimine.

Mostra i risultati (2110 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics