In Francia l'industria della musica vigilerà sugli indirizzi IP

Subito dopo l'intervento del Presidente della Repubblica alla riunione della scorsa settimana, si produce il primo effetto Sarco con l'autorizzazione agli organi rappresentativi di autori ed editori a tracciare i naviganti sul web.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2007]

veleno

Col benestare del Cnil Commissione Nazionale per l'Informatica e le Libertà- la Sacem, di cui è epigona la nostra Siae, avrà l'incarico di accertare sul web le violazioni del diritto d'autore tramite l'analisi dei numeri di IP, appurando se e quando circolino programmi piratati, quali siano, chi ne siano i distributori e chi ne effettui il download; sino ad ora senza aver la possibilità di abbinare gl'indirizzi di rete ai nominativi degli abbonati ai servizi forniti dai provider, ma presto non sarà più così.

Fino a tutto il mese scorso i dossier così realizzati potevano essere sottoposti al vaglio della magistratura, che doveva poi decidere se fosse il caso di identificare i trasgressori e perseguire i reati o di abbandonare ogni azione giudiziaria.

L'anonimato (formale piuttosto che sostanziale) a suo tempo era stato presentato dalla stampa transalpina come una grande vittoria della democrazia ed una affermazione del diritto alla privacy; infatti la Sacem avrebbe voluto avere da subito in mano gli IP interessati ai download unitamente ai nomi degli abbonati, affermando di voler iniziare con avvertimenti e diffide per ricorrere al magistrato solo in caso di ulteriori infrazioni o recidiva.

All'opposizione della Cnil, la questione era finita più volte davanti al Consiglio di Stato che infine aveva definitivamente dato ragione alla Commissione ritenendo la raccolta dei dati troppo pervasiva in rapporto ai benefici ottenibili; da qui i trionfalismi come se la posizione dei difensori civici avesse ottenuto chissà quale risultato.

Purtroppo non è affatto così, tanto è vero che la Sacem commenta ora favorevolmente l'accordo intervenuto con la Cnil almeno per quanto riguarda la possibilità di sanzionare le contraffazioni; anche ritenendo, unitamente alla Società dei Produttori Fonografici (SCPP) ed a quella per la Regolamentazione del Diritto di Riproduzione Meccanica (SDRM), di aver subito un torto quando non le fu consentito di individuare e perseguire direttamente i pirati dopo averli individuati tramite gli indirizzi IP e regolarmente diffidati.

Tuttavia la questione della rilevazione diretta degli indirizzi IP non è affatto morta e l'accordo da ultimo concluso in seno alla Mission Olivenne tra fornitori dei servizi web e rappresentanti degli autori ed editori sotto il patrocinio dell'Eliseo ha rimesso tutta la questione in gioco.

Perché il magistrato ordinario è stato di fatto esautorato e sostituito da un'autorità amministrativa, alla quale la Sacem, debitamente autorizzata dalla Cnil, dovrà trasmettere le infrazioni appurate e gli indirizzi IP interessati dalle infrazioni; dopo di che sarà questa nuova autorità amministrativa che si incaricherà delle comunicazioni e delle diffide a chi scarica illegalmente, sino a obbligare il gestore della connessione Internet alla rescissione unilaterale del contratto di fornitura.

Questa procedura d'altra parte non impedirà alle major ed alle loro associazioni di instaurare una procedura ordinaria davanti al giudice penale, magari assistita da una congrua richiesta di danni; non si comprende quindi in cosa consista il preteso aumento di garanzie fondamentali, a mano che non ci si riferisca a quelle legata alla logica del profitto.

Né bisogna dimenticare che in Francia il potere amministrativo, ma anche quello giudiziario, è fortemente ed intimamente legato alla Presidenza della Repubblica; per cui l'ipotesi di una giustizia amministrativa regolata sulla base degli interessi delle major non sembra sia una soluzione particolarmente esaltante, né sotto il profilo culturale né tantomeno quello dell'eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il gadget del momento è lo smart watch. Si indossa al polso come un orologio tradizionale ma consente di telefonare, mandare Sms, accedere al web, leggere l'email, postare su Twitter o Facebook, ascoltare la musica. Ne acquisteresti uno?
Sì, per leggere l'email / gli Sms / Facebook / Twitter o per ascoltare la musica senza dover utilizzare il telefonino.
No. Ho già uno smart watch: è il mio telefonino. Non sono interessato a un altro accessorio.
No. Non mi interessa leggere l'email o accedere al web dall'orologio. Preferisco che orologio e telefono siano separati.
No. E' una cavolata.
Non saprei.

Mostra i risultati (2797 voti)
Agosto 2020
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics