Nokia fa sparire Ogg da Html 5

Il colosso finlandese l'ha avuta vinta: il formato libero video e audio Ogg è stato eliminato dalle specifiche Html 5. Largo al Drm.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-12-2007]

Foto di Dariusz Sankowski

Il World Wide Web Consortium, ovvero W3C, sta studiando le specifiche che andranno a comporre la nuova versione 5 del linguaggio Html.

Nella lavorazione, si era da principio proposto di scegliere il formato Ogg Theora come standard per la distribuzione dei video embedded nelle pagine html del World Wide Web e supportare Ogg Vorbis per l'audio.

Ogg, in sè, è conosciuto per essere un "contenitore"; come Avi, tanto per intendersi. Della famiglia Ogg fanno parte appunto i già citati Ogg Vorbis, il più famoso, che è un codec audio libero e open source, e Ogg Theora, l'equivalente video. Quest'ultimo si pone in concorrenza con i formati Mpeg-4 e Windows Media Video, e nessuno dei due è dotato di meccanismi Drm per prevenire le copie.

Entrambi i formati fanno capo alla Xiph.Org Foundation, organizzazione no-profit dedicata allo sviluppo di formati multimediali liberi.

Quando dunque il W3C aveva scelto Ogg, l'aveva fatto per non legarsi ad alcuna tecnologia proprietaria. Nokia però si è opposta, dicendo che Theora è invece proprio un formato proprietario e consigliandone altri: AAC per l'audio e H.264 per il video. Le pressioni di Nokia sono state sostenute anche da Apple, che certo non usa i formati Ogg per i propri prodotti ma invece supporta H.264 e AAC.

Ciò che fa subito alzare almeno un sopracciglio è la sospetta malafede di Nokia. Prima si suggerisce di non adottare Ogg in quanto proprietario, sebbene alla Xiph.Org il formato - libero da brevetto - sia stato ceduto in licenza perpetua e illimitata e senza richiedere il pagamento di alcuna royalty; poi si propongono due formati, brevettati, che sono utilizzati nelle attuali tecnologie Drm (in particolare, H.264 per i supporti per l'alta definizione, Hd-Dvd e Bd).

Il sospetto di voler lucchettare la distribuzione di video e audio via web è a questo punto più che legittimo, né si capisce perché il W3C debba avere a cuore gli interessi di Hollywood (che insiste affinché il Drm permei ogni attività multimediale) e compagnie collegate.

Nonostante ciò, e sfortunatamente, le proteste sembrano aver ottenuto l'effetto sperato: qualunque riferimento a Ogg è sparito dall'attuale bozza delle specifiche di Html 5.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

forse nn hai capito che nokia l ha adottato per interessi commerciali, magari dietro compenso.. che la gente sa usare solo frontpage per fare siti conta meno di zero. :roll:
13-12-2007 11:50

E dire che basterebbe un po' di intelligenza per adottarlo comunque e renderlo uno standard di fatto. Peccato che tanti sviluppatori web siano capaci solo ad utilizzare i vari dreamweaver (se non frontpage), lasciandosi imporre l'uso di standard proprietari decisi dalla cricca di sanguisughe.
12-12-2007 18:25

...e cosė si complica la vita per gli sviluppatori ... Leggi tutto
12-12-2007 13:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in pių sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1098 voti)
Dicembre 2019
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Tutti gli Arretrati


web metrics