Se dai la password al padrone, ti può licenziare

La Cassazione convalida il licenziamento di una dipendente: l'azienda aveva scoperto l'infedeltà leggendo la sua email, ma la donna aveva dato il consenso all'uso della propria password.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-12-2007]

Fotolia

La Corte di Cassazione esprimendosi su un caso di licenziamento di una dipendente, motivato dall'aver trovato nella sua casella di posta elettronica aziendale le prove della sua infedeltà e della sua collaborazione con la concorrenza.

La donna aveva impugnato il licenziamento per violazione dello statuto dei lavoratori e della segretezza della corrispondenza. Il dirigente si era difeso sostenendo che la dipendente aveva sottoscritto un documento di policy che consentiva l'accesso alla posta aziendale per ragioni di lavoro.

Questo consenso concesso dalla dipendente stessa al suo datore di lavoro garantisce lo stesso dall'accusa di accesso abusivo e di violazione della privacy secondo il giudice. Per il giudice della Suprema Corte la regolamentazione interna all'azienda stabilisce il confinte tra il diritto del datore di lavoro a controllare anche l'email e quello della dipendente.

Vi sono, però, policy di molte realtà aziendali che prevedono esplicitamente che la password di posta, spesso utilizzabile anche per l'accesso ad altri sistemi di rilevazione della presenza, di acquisizione e immissione di dati riservati, per la stessa prestazione lavorativa e per l'accesso al Pc, debba rimanere segreta, facendo esplicito divieto di comunicarla a chiunque, esterno o interno all'azienda, collega o perfino superiore, pena sanzioni che possono arrivare fino al licenziamento.

In questo caso l'azienda non potrebbe accedere all'email del dipendente. Oltretutto anche l'accesso giustificato dalla sottoscrizione di accordi sulla disponibilità della password deve essere occasionale e non continuativo da parte del datore di lavoro, altrimenti si verrebbe a configurare un "controllo a distanza" proibito dall'articolo 4 della legge 300 e attuabile solo con accordi sindacali o, in mancanza degli stessi, con l'autorizzazione dell'Ispettorato del Lavoro.

In questo caso è stato palese l'accertamento di un'infedeltà all'azienda; ma il datore di lavoro, entrando (anche lecitamente) nella mailbox del dipendente, non può attuare controlli sulla sua vita privata e sentimentale, sulle sue idee politiche e sulla sua attività sindacale e non può riferire a nessuno i contenuti estranei alla vita aziendale ricavabili dalle email del dipendente.

Il datore di lavoro può invece legittimamente limitare l'invio delle email solo a certi indirizzi e la ricezione, comunicandolo al dipendente, con filtri automatici o anche con divieti espliciti; può stabilire la capienza massima della mailbox, i tempi definiti per la cancellazione delle mail, i tempi di accesso al sistema: il sistema di posta elettronica rimane dell'azienda, che al limite può vietare qualunque uso, anche moderato, a fini privati della posta elettronica.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 22)

{giovanni}
nel caso in esame ha giocato l'imperizia dell'interessata nell'utilizzo dei programmi di posta. E' una bella trovata utilizzare la posta aziendale per inviare messaggi alla concorrenza. Vuol dire proprio mettercela per farsi licenziare.E' anche per queste complicazione legali che è opportuno tenere due caselle di... Leggi tutto
23-12-2007 11:36

{giovanni}
forse qualcuno farebbe meglio a rileggersi le basi della giourisprudenza.esiste un discorso di fonti del diritto, che spesso viene ignorato.lo statuto dei lavoratori è una fonte che prevale su un'insulsa policy aziendale. Se un codice di leggi eun contrattuncolo interno si contraddicono, quale fonte dovrà mai prevalere?ma... Leggi tutto
23-12-2007 11:05

Secondo me, e secondo quando citato dall'articolo del link l'accesso alla posta elettronica da parte del Datore di lavoro è lecito anche senza alcun consenso da parte del Dipendente. Va da sè che, fra la posta in arrivo vi sono messaggi privati gli stessi non debbono essere cestinati dal Datore di lavoro. In tutto ciò non ci vedo nulla... Leggi tutto
21-12-2007 17:58

Scusate, ma voi delle notizie leggete solo i titoli o cosa? Prima di tutto, il titolo e il conseguente articolo si riferiscono alla sentenza già postata da zeussino, quindi non capisco il perché di queste ridondanze. Secondo, come ho già quotato prima, e come spiegano SIA la sentenza SIA l'articolo citato, non è automatico l'accesso... Leggi tutto
21-12-2007 15:15

L'articolo prosegue qui Leggi tutto
21-12-2007 14:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3262 voti)
Ottobre 2019
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Tutti gli Arretrati


web metrics