OpenID, la tecnologia digitale che semplifica la vita

Oltre 10 mila siti aderiscono al progetto open source; anche Microsoft deve allinearsi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-02-2008]

mondo

Dopo un certo periodo di scetticismo (forse in parte dovuto alla diffidenza con la quale venne accolto un progetto simile in tecnologia proprietaria, lanciato da Microsoft con il nome di "Passport" e poi abbandonato per le critiche feroci di cui era stato fatto oggetto), pare proprio che OpenID sia in dirittura di arrivo.

Secondo la ID Foundation, ente che ne sovraintende la realizzazione, già sarebbero sponsor del progetto Vidoop, Six Apart e Wikia oltre che NetMesh e Sxip Identity; ma l'endorsement maggiore deriverebbe dall'adesione dei "pezzi da novanta" del settore quali IBM, Yahoo!, Google, Verisign, e -da ultimo- la stessa Microsoft, alla quale forse non par vero di apparire una sostenitrice del free software con cosi poca fatica e nessuna spesa o quasi.

Infatti la tecnologia consolidata con lo sviluppo di Passport, ma oggi inutilizzata, potrà forse giovare agli attuali sviluppatori del free. Resta da verificare se, una volta acquisito il necessario aggiornamento, a Redmond non si deciderà che sia ora di dare una rispolverata alla tecnologia proprietaria.

Sulla carta il progetto è molto interessante, inteso com'è a permettere a ogni utente di utilizzare un'identità univoca per connettersi a tutti i siti compatibili; il vantaggio sarebbe soprattutto nel velocizzare i processi di connessione ricorrendo a un'unica password, che dopo verifica permetterebbe accesso e interazione con tutti gli altri siti aderenti senza altre formalità.

La tecnologia è stata ideata circa tre anni fa da Brad Fixpatrick, allora alle dipendenze di Sixart; passato poi a Google, la piattaforma è stata aggiornata e il formato reso open. Lo stesso autore ritiene che "il Web dovrebbe essere facile da usare e basato su standard accessibili a tutti, eliminando ogni estensione proprietaria proprio perché non dovrebbe essere appannaggio di alcuno".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

cosý ci profilano molto meglio, e con il nostro consenso Leggi tutto
11-2-2008 11:00

{epluribusunum}
dubbioso sul "centro di controllo" Leggi tutto
11-2-2008 08:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi Ŕ il pi¨ grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. ╚ stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. ╚ diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2105 voti)
Marzo 2023
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 marzo


web metrics