OpenOffice adotta la Lgpl 3

La suite open source per l'ufficio adotta l'ultima versione della licenza sviluppata dalla Free Software Foundation.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2008]

OpenOffice.Org cambia licenza e adotta la Lgpl 3 per poter garantire la libertà del codice del progetto e la protezione dai brevetti software. Questo è in sintesi il senso del comunicato con cui viene annunciato il cambio.

Questa mossa "è la naturale evoluzione per un codice che usa una licenza della famiglia Fsf". "In particolare, la nuova licenza include protezioni aggiuntive dai brevetti software per la comunità".

Allo stesso tempo cambia anche il Joint Copyright Assignent, che viene abbandonato in favore del Sun Contributor Agreement: in pratica le modalità di contribuzione vengono riviste e modelli diversi sono adottati per chi sviluppa il codice core e per chi sviluppa le estensioni.

Il cambio avverrà ufficialmente durante l'estate, quando uscira la prima beta di OpenOffice 3.0.

A seguito di questo annuncio sarà interessante vedere la reazione di Linus Torvalds, che non è mai stato entusiasta della nuova versione della Gpl sin da quando è stata annunciata, e ha anzi affermato che il kernel di Linux resterà fedele alla Gpl 2.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3581 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics