Pacemaker a rischio hacker

Alcuni ricercatori americani sono riusciti a introdursi in un pacemaker e a spegnerlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-03-2008]

Ricercatori americani crackano un pacemaker

Avendo a disposizione tempo e risorse sufficienti, tutto può essere hackerato: anche un defibrillatore o un pacemaker.

Questi ultimi due dispositivi, poi, così importanti per la salute di milioni di persone affette da disturbi cardiaci, generalmente non sono progettati per resistere ad attacchi informatici.

Partendo da questi assunti un team di specialisti dell'Università di Washington e dell'Università del Massachusetts è riuscita a riprogrammare un defibrillatore e un pacemaker (ovviamente non impiantati in un essere umano) costringendoli a spegnersi o a inviare una scarica elettrica potenzialmente fatale. Il resoconto è pubblicato sul sito Medical Device Security Center.

L'uso di sistemi di controllo wireless, infatti, certamente prezioso poiché evita un'ulteriore operazione per la regolazione dei dispositivi, espone a un rischio almeno teorico di intrusione, sabotaggio e anche furto di informazioni sensibili. I ricercatori sono infatti riusciti a raccogliere i dati personali di alcuni pazienti catturando i segnali emessi dai sistemi radio impiantati.

Per ora, comunque, "i rischi per i pazienti sono bassissimi, ma temo che possano crescere in futuro", ha affermato il direttore del progetto per l'Università di Washington.

D'altra parte è anche vero che, per raggiungere il loro obiettivo, i ricercatori hanno dovuto usato un'attrezzatura del valore di 30.000 dollari: ben al di là, quindi, delle possibilità di un comune hacker (o cracker che dir si voglia). Inoltre la distanza fisica dal bersaglio deve essere estremamente ridotta: occorre trovarsi praticamente a contatto con il soggetto sottoposto ad attacco.

Dal canto loro, le aziende produttrici di pacemaker ritengono che sia inutile allarmare i pazienti, considerato che in trent'anni di uso di questa tecnologia non è mai stato rilevato alcun incidente. Alcune di esse, poi, già integrano nei loro prodotti tecnologie di sicurezza proprietarie e metodi di crittografia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Oltre 8.000 vulnerabilità nei pacemaker
La chiavetta USB che ti hackera il PC in meno di un minuto
Il pacemaker è una membrana che avvolge il cuore

Commenti all'articolo (4)

Leggete :) Leggi tutto
14-3-2008 16:02

Non voglio entrare nel merito se sia o meno una bufala, di sicuro è una notizia "sottolineata" ad arte da parte di chi vorrebbe l'ergastolo (o peggio) per tutti i "pirati informatici" che infestano la rete. Come dire: oggi scarichi a sbafo da eMule, domani lancerai un DoS contro tutti i pacemaker dell'emisfero... Leggi tutto
14-3-2008 12:40

Solo perche' lo dici tu?
14-3-2008 09:37

Bufala Leggi tutto
14-3-2008 03:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quasi la metà delle famiglie italiane (nel 2012 erano il 45,5% secondo Confindustria Digitale) non possiede ancora un collegamento a Internet. Qual è secondo te il principale motivo?
La connessione a banda larga non è disponibile.
Motivi di privacy e sicurezza.
Mancanza di skill e capacità d'uso.
Alto costo del collegamento.
Alto costo degli strumenti.
Internet non è utile.
Accedono a Internet da altro luogo.

Mostra i risultati (3342 voti)
Gennaio 2019
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Un intero computer (completo di schermo e tastiera) all'interno di un mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Dicembre 2018
Microsoft cambia Pulizia Disco per salvare gli utenti sbadati da sé stessi
Tutti gli Arretrati


web metrics