La trasferta dei picchiatori cinesi

Mentre in Cina da parte governativa è stata organizzata una vera e propria controinformazione, i trasferimenti della fiaccola olimpica sono sorvegliati da molti esperti in arti marziali con l'ordine di contenere le manifestazioni di protesta sul percorso della fiamma olimpica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-05-2008]

La trasferta dei picchiatori cinesi

Pare ovvio osservare che la democrazia non si esporta anche perché al massimo si riuscirebbe a mettere in bella vista il tipo di democrazia di cui possono beneficiare i cittadini dei vari stati che ci provano; così per l'URSS come per Cuba, così per gli USA come per ultima la Cina.

Così dopo il blocco dell'Internet per tutta la durata dei giochi, al quale gli ispettori del Comitato Internazionale Olimpico (CIO) hanno solo saputo timidamente osservare "che ogni censura durante i Giochi avrebbe avuto un effetto disastroso sull'immagine del paese ospitante", Pechino ha pensato bene di inviare all'estero squadracce di picchiatori professionisti travestiti da manifestanti con l'incarico di contrastare le manifestazioni di piazza pro Tibet.

Senza entrare nel merito della querelle (oggi l'idea di uno stato teocratico farebbe sorridere tutti tranne quelli che se ne trovano uno in casa) fa tuttavia riflettere il modo con cui si contrappongono o si sovrappongono le idee e la percezione che Cina ed altre potenze economiche hanno del resto del mondo: anche perché nell'epoca dell'informazione non esiste tutto ciò di cui non si parla. Anche a casa nostra.

Perché ornai quest'ultimo è visto soltanto come un mercato globale ai cui interessi sono asservite le varie politiche nazionali; così gli USA "sgridano" Yahoo! per aver dato al governo cinese i mezzi per imprigionare i dissidenti anziché inviare proteste diplomatiche e passano sotto silenzio gli sforzi con cui l'editore americano tenta di riaccreditarsi finanziando aiuti alle famiglie delle vittime mentre Google, alle prese con problemi analoghi, si sforzi invano di far passare all'approvazione dei suoi azionisti una "condotta etica" che sia rispettosa dei diritti dell'uomo e della libertà di espressione.

Del resto la sorte da ultimo toccata alla Francia, obbligata a salvare la faccia e l'immagine di strenuo difensore della libertà pagando la presa di posizione con la perdita di alcuni importanti mercati, ha reso cauti tutti gli altri, che evidentemente sperano di profittare delle eventuali disgrazie altrui; così ad esempio se promettendo mari e monti la BBC ha ottenuto la riapertura dell'accesso al suo sito, la CBC - Radio Canada - lamenta che il proprio sito in inglese sia inaccessibile dall'inizio dell'anno e quello francofono da oltre sei mesi.

Anche il nostro governicchio nel suo piccolo ha fatto la propria parte, osservando un ossequio tutto cinese nei confronti della protesta diplomatica di Pechino ai tempi dei disordini in chinatown a Milano; disordini che fossero stati messi in atto nel non più celeste impero da nostri connazionali gli avrebbero procurato lunghi soggiorni nei campi di ristrutturazione del pensiero.

Completamente sotto silenzio da parte di tutti i media occidentali sta passando l'organizzazione della controinformazione cinese, portata avanti principalmente dal sito Sina.com che è probabilmente il più importante editore di contenuti in Cina; e la stampa nazionale, completamente succube del governo, continua a fare velo sulla reale portata della repressione in Tibet.

Stando così le cose, in luogo di interrogarsi sugli effetti pratici immediati della propria acquiescenza invece di quelli possibili sui mercati internazionali nel medio e lungo periodo, i vari governi preferiscono temporeggiare fingendo di non accorgersi di quel che il futuro ha già pronto dietro l'angolo.

Perché se è tramontata l'epoca delle cannoniere e delle guerre dell'oppio, è tuttavia in corso una guerra senza esclusione di colpi non per mercati locali ma per il mercato planetario. E purtroppo - a considerare le cose con ottimismo - finora abbiamo solo saputo prestare l'altra guancia.

Perché considerare vittoria morale e affermazione dei diritti della persona la (parziale) riapertura di Wikipedia in inglese è non solo un contro senso ma un voler prendere in giro sé stessi e tutti gli altri, poiché restano irraggiungibili voci come Tibet, Tiananmen o Taïwan.

Per finire, una disinformazione prettamente nostrana finge d'ignorare l'esistenza dei vari picchiatori nazionali che ormai dappertutto proteggono la fiaccola in giro per il mondo, per non dover ammettere che gli stati ospiti non saprebbero come gestire la patata bollente dei picchiatori cinesi in trasferta, sempre pronti a intervenire.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Perché, di solito in un paese civile chi picchia il prossimo non viene arrestato? Questi picchiatori cinesi godono dell'immunità diplomatica? :incupito: :incupito: :incupito: Leggi tutto
2-5-2008 12:09

finalmente uno fermo e deciso Leggi tutto
1-5-2008 10:59

{utente anonimo}
non le seguiro' e spero altri facciano lo stesso Leggi tutto
1-5-2008 10:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
Sì, da un mio ex partner.
Sì, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
Sì, per le mie idee in politica.
Sì, per un commento relativo al calcio.
Sì, per una critica.
Sì, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1494 voti)
Gennaio 2019
Un futuro senza chiavette USB
Facebook sotto accusa: giochini per ''spennare'' gli utenti più giovani
Pubblicata la ''master list'' degli hacker
Un intero computer (completo di schermo e tastiera) all'interno di un mouse
Non è reato filmare una donna nuda in casa sua se non usa le tende
Sei consigli per difendersi dal ransomware
Windows 7 riconosciuto come contraffatto dopo le ultime patch
IoT sotto attacco: ora tocca alle vasche idromassaggio
Apple taglia la produzione di iPhone: l'obsolescenza programmata non funziona più
Il primo computer quantistico progettato per applicazioni commerciali
Il bat-sonar Microsoft usa gli altoparlanti intelligenti per mappare intere stanze
Otter Browser, il vero successore di Opera Classic
Mozilla sperimenta gli spot in Firefox. Gli utenti insorgono
Richard Stallman fa i complimenti a Microsoft
Dicembre 2018
Microsoft cambia Pulizia Disco per salvare gli utenti sbadati da sé stessi
Tutti gli Arretrati


web metrics