Salgono le azioni di Yahoo mentre Microsoft prepara l'Opa ostile

Gli azionisti di Yahoo vogliono più soldi, l'ultimatum è scaduto da un pezzo e Ballmer sta perdendo la pazienza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-05-2008]

Salgono le azioni Yahoo, Microsoft prepara l'Opa

L'ultimatum di tre settimane è scaduto già da qualche giorno e Microsoft deve muoversi: non può lasciar pensare ai propri avversari che minacci a vuoto.

Il Ceo, Steve Ballmer, ha chiare quali siano le uniche tre alternative e l'ha fatto presente: concludere le trattative, avviare un'Opa ostile o lasciar perdere tutto.

Il tempo trascorso dalla scadenza dell'ultimatum, dicono i bene informati, sarebbe l'ultimo ramoscello di pace teso ai dirigenti di Yahoo per accettare l'offerta iniziale di 31 dollari ad azione; offerta che però sottostimerebbe l'azienda, dicono.

Intanto le azioni di Yahoo stanno subendo un'interessante crescita, guadagnando quasi il 7 per cento nella giornata del 2 maggio e raggiungendo un valore di 29,48 dollari.

Questo rialzo potrebbe spingere Microsoft ad alzare di conseguenza la propria offerta, arrivando fino a 35 dollari per azione, secondo quanto riportato dal New York Times. Solo l'altro ieri, sembrava che l'offerta massima potesse arrivare a 33 dollari, che però ad alcuni azionisti sembravano ancora pochi.

In questo caso l'affare potrebbe anche essere concluso: Jerry Yang, Ceo di Yahoo, dice di non essere contrario all'acquisizione, se il prezzo offerto è onesto.

Il balletto continua, anche se parrebbe essere arrivati ai passi finali. La questione principale è trovare un equilibrio: per Microsoft il problema è indovinare quale sia la cifra giusta da offrire senza sborsare più del necessario.

Steve Ballmer, comunque, ha le idee chiare e un prezzo preciso in mente: "So esattamente quanto ritengo che Yahoo valga per me. Non offrirò un centesimo in più, e mi spingerò fin dove penso che valga la pena se ciò permetterà di concludere l'accordo".

Aggiornamento ore 16

Microsoft rompe le trattative, dopo che l'ultima offerta di 33 dollari per azione era stata rifiutata dalla board di Yahoo. Il colosso di Redmond quindi non comprerà più Yahoo! e le due aziende rimarranno separate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Telecom Italia ha scelto il marchio TIM per tutta la sua offerta commerciale di telefonia fissa, mobile e Internet, cambiando il logo. Cosa pensi del nuovo logo? Scegli un'opzione tra le seguenti e commenta nel forum.
Mi piace.
Non mi piace.
Preferivo il precedente.
Non mi interessa.
Sempre di più si dà troppa importanza all'immagine e poca alla sostanza.

Mostra i risultati (2043 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics