Dati medici, fiscali, bancari e personali: è tutto online

Accade nella contea di Riverside, in California.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-05-2008]

La diffusione in Internet dei redditi degli italiani ha sollevato nei giorni scorsi un prevedibile e voluminoso polverone. Chissà che cosa sarebbe successo se, oltre alle informazioni fiscali, fossero apparse anche quelle mediche, bancarie e generalmente personali - altrimenti dette "sensibili".

La Corte Superiore della Contea di Riverside, in California, ospita infatti sul proprio sito web - e dunque li rende accessibili a tutti - proprio dati di questo genere, secondo quanto denunciato dall'avvocato Betty Ostergren, specializzata in questioni che riguardano la privacy.

Il sito Computerworld ha provato a fare delle ricerche sul sito della Corte usando i numeri dei casi forniti dall'avvocato: ha trovato documenti che mostravano informazioni personali esposte potenzialmente all'attenzione di tutti.

Non è tuttavia necessario conoscere i codici dei casi discussi nella Corte per poter entrare in possesso delle informazioni: è sufficiente usare come chiave di ricerca dei nomi casuali: "Una volta capito il funzionamento, è facilissimo per chiunque abbia mezzo cervello", ha detto Ostergren.

"Ho scaricato tonnellate di informazioni mediche, date di nascita, segnalazioni di tentati suicidi e informazioni riservate della polizia" ha continuato l'avvocato.

Il personale della Corte, ovviamente, non è all'oscuro di tutto ciò; c'è infatti anche la segnalazione di un individuo anonimo, noto come Privacy Pete, ha tentato inutilmente per due mesi di far rimuovere i propri dati.

A ogni modo, una volta informati della cosa, gli impiegati del tribunale hanno cercato di compiere le stesse ricerche di Computerworld e dell'avvocato Ostergren, ma senza trovare alcun dato sensibile. Quindi il problema non esiste. Privacy Pete ha probabilmente trovato quelle cinque pagine - su venti milioni - che contenevano dati personali, ma non ce ne sono altri, dicono. E, quand'anche ci fossero, "sarebbe come trovare un ago in un pagliaio".

Sembra proprio, insomma, che l'intera questione venga pesantemente sottovalutata. Inoltre, tutto è stato fatto a norma di legge: la Corte ha la facoltà di pubblicare i documenti relativi ai casi civili. "Ciò che sta avvenendo qui", ha detto Gary Whitehead, capo del dipartimento IT, "è che questi documenti sono stati archiviati insieme ai casi civili senza che i dati personali siano stati rimossi". Solo uno spiacevole errore, dunque, per il quale non è il caso di allarmarsi più di tanto.

Betty Ostergren, però, non si arrende: se necessario, contatterà tutte le persone della Contea di Riverside i cui dati personali sono stati resi pubblici.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Autorizzi il browser a ottenere la cronologia dei siti Internet che hai visitato?
Ho disabilitato questa opzione
S, ma cancello la cronologia regolarmente
S, comodo, cos non devo digitare l'intero indirizzo
Non so

Mostra i risultati (2020 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics