La prima beta di OpenOffice 3.0

Arrivano il supporto nativo a Os X e la capacità di gestire i formati di Microsoft Office 2007, insieme allo Start Center e a diversi altri miglioramenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-05-2008]

Ecco la prima beta di OpenOffice 3.0

La prima beta (in inglese) di OpenOffice 3.0 è disponibile per il download nelle versioni per Linux, Windows, Solaris e Os X.

Chiunque voglia provare le nuove caratteristiche è invitato a farlo così da segnalare anche eventuali bug riscontrati, tenendo sempre a mente che si tratta ancora di una versione di sviluppo.

Le novità che la prossima versione porta con sé partono da una generale pulizia del codice che dovrebbe rendere più veloce l'avvio e l'uso della suite.

Particolarmente gradita agli utenti Mac sarà l'attesa integrazione con Aqua, l'interfaccia nativa di Os X: non ci sarà più bisogno di installare X11 per poter usare OpenOffice. La versione 3.0, inoltre, supporta ufficialmente anche Windows Vista.

A proposito del mondo Windows, è stato aggiunto il supporto ai formati dei file di Office 2007 (e Office 2008 per Mac): si possono ora aprire dunque i vari .docx e .xslx che sono il frutto di Microsoft Ooxml. Quanto al formato di default usato da OpenOffice, Odf, il supporto è stato aggiornato alla versione 1.2.

Se l'interfaccia non ha subito cambiamenti sostanziali (soprattutto si parla di icone nuove e leggermente più grandi), alcune funzioni introdotte sono interessanti: dal miglioramento della creazione e importazione di Pdf alla possibilità di aggiungere note ai documenti realizzati con Writer, dalla funzione Solver dei fogli di calcolo all'aumento del numero di colonne di Calc, che passa da 256 a 1024.

OpenOffice 3.0 introduce anche lo Start Center, una schermata riassuntiva delle singole applicazioni disponibili e delle possibilità offerte dalla suite nel creare i documenti: utile per chi voglia avere una sola icona sul Desktop, per esempio.

Tutte le caratteristiche della prossima versione sono pubblicate in un'apposita pagina web del sito di OpenOffice.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2275 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics