Bug in Debian Linux, le chiavi Ssl erano prevedibili

Grave falla nelle comunicazioni cifrate Ssl, usate per esempio per trasmettere i numeri di carta di credito durante gli acquisti. Colpite anche per le distribuzioni derivate, come Ubuntu.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-05-2008]

Bug in Debian, le chiavi Ssl erano prevedibili

Un bug nell'implementazione Debian di OpenSsl, versione libera del protocollo Secure Sockets Layer, ha scorrazzato libero per un anno e mezzo ma è stato scoperto solo ora. Bisogna sottolineare che il problema è stato prontamente risolto tramite il rilascio di una versione aggiornata.

Il protocollo Ssl è nato per rendere sicure le comunicazioni via Internet cifrandole; per far ciò si sfrutta chiavi generate affidandosi a un generatore di numeri pseudo-casuali.

Il problema è che a causa di una modifica non conforme alle specifiche Debian - si legge nel comunicato - risalente al settembre 2006, le chiavi generate sono prevedibili e ciò rappresente un rischio per la sicurezza. In pratica, i numeri che avrebbero dovuto essere totalmente casuali, in realtà sono prevedibili.

Gli utenti e gli amministratori di sistemi Debian devono aggiornare subito i propri computer. La prima versione affetta è la 0.9.8c-1 e nel periodo trascorso dalla sua creazione il bug si è propagato nelle distribuzioni etch e lenny, ossia l'attuale stable e la testing.

Il problema riguarda non solo le Debian pure, ma anche le derivate, come Ubuntu, che infatti ha a sua volta rilasciato un comunicato per mettere in guardia i propri utenti.

Possono invece stare tranquilli gli utenti della versione stabile precedente alla attuale, con il nome in codice sarge, e coloro che hanno già proceduto all'aggiornamento: per chi usa etch, la versione 0.9.8c-4etch3 è priva del bug, mentre gli utenti di sid e lenny devono aggiornare alla versione 0.9.8g-9.

Qui sotto, un paio di strip che circolano in rete da quando si è diffusa la notizia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Non solo, ma per continuare il paragone con un certo :) altro ben noto sistema operativo, è appena uscito il service pack 3 di Windows XP (che a sua volta crea altri problemi,ma questo è un altro discorso). non so se le cose che "ripara" derivino da WinXP originale, SP1 o SP2, ma anche se fosse da SP2 (nel caso in cui l'SP2... Leggi tutto
19-5-2008 10:55

ma poche ore per correggerla, le falle succitate erano NOTE da 6 mesi e mai corrette. La vedo assai diversa. Leggi tutto
19-5-2008 00:47

Diciamo che nel mondo Debian è piuttosto diffusa l'usanza di patchare diversi pacchetti software in modo da adattarli alle esigenze di quella distribuzione; la cosa preoccupante è che, a volte, gli sviluppatori di altre distribuzioni Linux adottano a loro volta queste patches considerandole piuttosto affidabili proprio perché provengono... Leggi tutto
16-5-2008 21:47

@Ramon: Diciamo che il giochino della memoria sporca è una cosa molto sottile da capire... E' anche vero però che uno che lavora sui sorgenti dei pacchetti che vengono poi dichiarati standard x quella distro dovrebbe essere un po' smalizziato!
16-5-2008 20:20

Cioè chi ha "adattato" OpenSSL a Debian? Leggi tutto
16-5-2008 17:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1858 voti)
Giugno 2021
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Android 12: veloce, attento alla privacy e personalizzabile
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 giugno


web metrics