I processori di Apple nei missili e nelle mine americani

PA Semi, l'azienda acquisita il mese scorso, produce processori per le armi dell'esercito USA, che Apple continuerà a supportare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-05-2008]

Apple supporterÓ i chip dei missili americani

L'acquisto di PA Semi da parte di Apple resta tuttora un mistero per tutti meno che per chi ha ordinato l'operazione. Si sa che a Cupertino non hanno intenzione di portare avanti l'evoluzione dei processori di PA Semi e pare sempre più improbabile l'ipotesi iniziale che li voleva all'interno dei prossimi iPod e iPhone.

Un'altra cosa nota è che il supporto ai processori PowerPc dual core di PA Semi verrà mantenuto da Apple, secondo quanto riporta The Register. Ciò, dice il sito, renderà felice l'esercito statunitense che usa quelle Cpu per i propri missili, radar e rilevatori di mine.

Questa è l'unica attività che coinvolge almeno parte dello staff di PA Semi di cui si abbia notizia; per il resto, non sono proprio chiari i motivi che hanno portato Apple all'acquisizione. Se Steve Jobs voleva disorientare qualcuno, c'è riuscito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{Diego}
rilevatori di mine Leggi tutto
19-5-2008 13:39

Magari hanno intenzione di convertire l'esercito a iPhone :wink: , cosi' i missili potranno avere nuove funzionalita' multimediali e gli uomini radar potranno ascoltare la musica acquistata su iTunes quando sono al lavoro :D. In fondo sarebbe un'evoluzione ...da 'mettete dei fiori nei vostri cannoni' a 'mettete degli mp3 nei vostri... Leggi tutto
17-5-2008 12:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilitÓ di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttivitÓ e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1320 voti)
Giugno 2022
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Apple, Google e Microsoft svelano il sistema che eliminerà le password
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 25 giugno


web metrics