Google paladino della Rete con Net Neutrality

Google sta lavorando a un progetto per poter monitorare i comportamenti degli ISP sulle connessioni ADSL.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-06-2008]

Lo strumento rivelato alla conferenza Innovation tenutasi presso la Santa Clara University da Richard Whitt, senior policy director di Google, servirà a controllare se sulla propria connessione sono attivi dei filtri che altrano la normale navigazione internet. La "Net Neutrality" così chiamata, diviene quindi un punto di interesse per Google che vuole mostrarsi come un tutore delle libertà.

Questo strumento entra però in conflitto con la politica del motore di ricerca in alcuni paesi come la Cina dove, appoggiando il regime, applica pesanti censure alla navigazione Internet. Non è dato sapere quando e come verrà rilasciato questo software.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Un conto e' sapere che esistono come notizia riportata, un altro e' poterlo verificare di persona. Se poi un programma simile permette un'analisi piu' approfondita, risulta certamente piu' utile del 'sentito dire' o del passaparola. Leggi tutto
28-6-2008 15:51

Un tool comodo ai neofiti, ma tutto sommato "ridondante". Nel senso che certi filtri (come per il p2p) di solito sono risaputi in rete in tempi brevi. Dove poi c'è vera e propria censura, non credo che l'utente abbia dei dubbi. Che poi Google scenda a patti in certi stati quali la Cina fa parte della logica di mercato... Leggi tutto
16-6-2008 17:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (357 voti)
Luglio 2020
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
L'Italia censura il progetto Gutenberg
Immuni, chiedete e vi sarà dato
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Tutti gli Arretrati


web metrics