Chrome, il browser di Google

La Grande G entra nella guerra dei browser con un programma che promette di essere più veloce, più sicuro, meno avido di risorse e disponibile in beta già da oggi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-09-2008]

Ecco Chrome, il browser secondo Google

"Al giorno d'oggi, ciò che quotidianamente usiamo nel web non sono semplici pagine web, ma applicazioni" che nemmeno erano state ipotizzate quando il primo browser fu creato.

Si apre così la prima delle 38 pagine del fumetto con cui Google annuncia ufficialmente la nascita di Chrome, il browser ideato a Mountain View e concepito per permettere agli utenti di usare al meglio le applicazioni online.

Il lancio è previsto per oggi, 2 settembre; al momento il sito indicato per il download non è ancora attivo e si viene rimandati alla home page del motore di ricerca, ma probabilmente si tratta solo di una questione di fuso orario. In ogni caso Google ha già fatto sapere che inzialmente sarà disponibile la versione per Windows, mentre quelle per Linux e Mac seguiranno a breve distanza. Per ora, naturalmente, si parla di versioni beta.

Stabile, veloce e sicuro: queste sono le tre parole chiave sulle quali il progetto dichiara di fondarsi. In più, Chrome sarà open source, cosicché lo scambio di idee con programmi analoghi possa essere continuo e proficuo per tutti.

L'accenno all'esistenza di altri programmi con cui condividere codice e innovazioni non è casuale: sebbene periodicamente ci siano state voci circa la realizzazione di un browser da parte di Google, non sembrava che un'eventuale concretizzazione di queste stesse voci fosse vicina. A Mountain View sembravano preferire il finanziamento di progetti già esistenti.

Infatti il rinnovo dell'accordo con la Mozilla Foundation - in base al quale per ogni ricerca eseguita all'interno di Firefox tramite il box con il marchio Google Mozilla guadagnerebbe delle commissioni - siglato pochi giorni fa e che durerà fino al 2011 pareva allontanare la possibilità di un ingresso della Grande G nella guerra dei browser.

Chrome non sarà un tradizionale browser multi-threaded, ma un'applicazione multiprocesso: in ogni tab risiederà in un processo separato, ottimizzando così la gestione delle risorse del sistema e permettendo di chiudere tramite il task manager integrato nel browser, per esempio, solo la tab che abbia smesso di rispondere.

Chi si è trovato costretto a terminare interamente il proprio browser solo perché una tab aveva bloccato tutta l'applicazione a causa di un'animazione Flash potrà senz'altro apprezzare la novità.

A proposito di tab, un cambiamento apparentemente solo estetico riguarderà il posizionamento della barra che permette di passare da una all'altra: anziché al di sotto dei menù, essa si troverà al di sopra, sottolineando così l'indipendenza di ogni pagina e migliorando l'organizzazione delle tab stesse, almeno stando alle ricerche fatte da Google.

Un altro miglioramento riguarderà la macchina virtuale per l'esecuzione dei javascript, battezzata V8 e scritta da zero, che promette meraviglie quanto a velocità rispetto ai browser attuali; ci sarà poi una modalità particolare per far sì che le pagine visitate non restino nella cronologia, una barra degli indirizzi dotata di autocompletamento intelligente (chiamata "omnibox"), una tab con le anteprime delle pagine più visitate (funzionalità simile, ma non identica, a ll'Accesso Rapido di Opera) e, naturalmente, l'integrazione di Google Gears per poter usare le applicazioni web di Google sia online che offline.

Con quest'ultima precisazione si chiarisce forse ancora meglio quello che appare l'intento di Google: fornire una soluzione completa, che comprenda anche quelle applicazioni che ancora resistono come software indipendenti dalla Rete (gli elaboratori di testo e i fogli di calcolo, solo per fare due esempi) e delle cui funzionalità essenziali tutti gli utenti hanno prima o poi bisogno senza invece necessitare di spesso costose caratteristiche avanzate.

Microsoft dunque potrebbe anche trovarsi a fronteggiare un nuovo avversario pericoloso non solo nei confronti di Internet Explorer, già aggredito da Firefox, ma anche nei riguardi di Office, suite della quale - è stato detto spesso - moltissimi non arrivano a usare più del 10 per cento in termini di funzionalità disponibili: per costoro Chrome potrebbe fornire un'unica soluzione a quasi tutte le necessità.

Interessante sarà anche la posizione che dovrà assumere Mozilla, legata Google dall'accordo di cui abbiamo detto; il rilascio delle tecnologie con licenza open source, d'altra parte, potrebbe apportare più benefici di quante minacce l'apparizione di un nuovo concorrente possa far ipotizzare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 19)

Va bè era sott'inteso! :wink: Leggi tutto
11-9-2008 17:15

opera è stato scopiazzato da tutti ,pure da firefox.. è la norma però il fatto dei processi separati.. sopratutto in pc poco potenti lo vedo una manna! in questo potrebbe battere Opera sicuramente (e gli altri). ci pensate? portatili di qualche anno non più impallati e che non devono perdere tutte le schede aperte. il flash è... Leggi tutto
11-9-2008 15:24

Motivo in più per cui chi progetta siti deve curarne l'accessibilità, il rispetto agli standard W3C, e che non richieda un particolar eprodotto/versioen del browser o suoi add-on. Come già dovrebbe essere, ma molti se ne dimenticano. :x Leggi tutto
5-9-2008 11:16

beh, non è detto; se si appoggiano (come già fanno) ai prodotti open source già sviluppati e presenti sul web, non avranno problemi ad implementarne le tecnologie in un tempo relativamente breve. D'altronde la potenza dei prodotti open source è proprio questa: una mano lava l'altra ;-) Leggi tutto
4-9-2008 19:27

Io lo sto provando in questo momento, e devo dire che in effetti le pagine le apre in un lampo... ma certi siti che richiedono la versione aggiornata di Flash Player danno errore e non sono fruibili (ad esempio, Nissan), e ovviamente una versione di Flash per Chrome ancora non esiste. Per il resto, la grafica è accattivante, e la home... Leggi tutto
4-9-2008 16:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi comportamenti ritieni che sia da evitare in assoluto?
Essere fuori sincrono: quando voce, tono, ritmo, posizione e movimenti non comunicano la stessa cosa si genera confusione e si viene ritenuti poco affidabili o sinceri.
Gesticolare eccessivamente: fare ampi gesti con le mani oppure giocare per esempio con i capelli o il telefono comunica insicurezza.
Tenere un'espressione neutra: la mancanza di un feedback dato dall'espressione facciale fa pensare all'interlocutore che l'argomento non interessi.
Evitare il contatto visivo: non guardare l'altro negli occhi comunica una sensazione di debolezza e lascia pensare che si stia nascondendo qualcosa.
Sbagliare la stretta di mano: non deve essere né troppo debole né troppo forte, o genererà in entrambi i casi un'impressione errata (servilismo o aggressività).
Inviare segnali verbali e non verbali opposti: se l'espressione facciale è opposta a ciò che le parole dicono, l'interlocutore non si fiderà.
Non sorridere: il sorriso comunica sicurezza, apertura, calore ed energia, e spinge a sorridere di rimando. Ugualmente errato sorridere sempre.
Roteare gli occhi: è un segno di frustrazione, esasperazione e fastidio; comunica aggressività.
Usare il cellulare durante una conversazione: lascia pensare che l'argomento non interessi e sia certamente meno importante dell'oggetto tra le mani.
Incrociare le braccia: l'interlocutore penserà che siamo sulla difensiva. Inoltre, se le mani non sono in vista crederà che abbiamo qualcosa da nascondere.

Mostra i risultati (1711 voti)
Maggio 2024
Google infila la IA dappertutto
Dentro la sede dei criminali
Windows 11 24H2 cripta tutti i drive all'insaputa dell'utente
L'app per snellire Windows 11 rimuove anche la pubblicità
Netflix, utenti obbligati a passare agli abbonamenti più costosi
Aprile 2024
MS-DOS 4.00 diventa open source
Enel nel mirino dell'Antitrust per le bollette esagerate
TIM, altre ''rimodulazioni'' in arrivo
L'algoritmo di ricarica che raddoppia la vita utile delle batterie
Hype e Banca Sella, disservizi a profusione
Falla nei NAS D-Link, ma la patch non arriverà mai
La navigazione in incognito non è in incognito
Le tre stimmate della posta elettronica
Amazon abbandona i negozi coi cassieri a distanza
Marzo 2024
Buone azioni e serrature ridicole
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 maggio


web metrics