Due motori semantici per ricerche più precise

Permettere ai motori di ricerca di comprendere le strutture del linguaggio è la chiave per far pulizia nella sterminata quantità di risultati che attualmente propongono.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 22-09-2008]

Motori semantici Eeggi Cognition Powerset

Tanta gente non sa usare Google: ci sono molte persone che non riescono a trovare quello che stanno cercando perché inseriscono delle chiavi troppo generiche e non sanno raffinare le ricerche.

Quando però i motori di ricerca tradizionali adotteranno i cosiddetti motori semantici, chiunque sarà in grado di recuperare in poco tempo e con precisione l'informazione necessaria: ci penserà il software a ripulire i risultati da tutto ciò che non c'entra.

Un motore semantico è in grado di analizzare una frase e, sfruttando i propri database e algoritmi, cogliere la struttura del linguaggio. Ciò permette svariate applicazioni, dalla proposizione di sinonimi a capire le somiglianze grammaticali tra frasi diverse. E cogliere ciò che è importante in una ricerca fatta usando parole imprecise.

Queste, almeno, sono le promesse. La strada per espandere la ricerca semantica su larga scala passa attraverso molte sperimentazioni e diverse soluzioni. Ultimamente, due possibilità si sono aggiunte a quelle già esistenti: una proposta da Cognition, l'altra da Eeggi.

Cognition si presenta come "la più grande mappa semantica della lingua inglese" che raccoglie più di "10 milioni di connessioni semantiche". Il frutto degli sforzi di Cognition confluisce in prodotti come CognitionSearch for the Enterprise e eDiscovery, sistema dedicato agli studi legali "per trovare velocemente e con efficienza documenti incriminanti".

Eeggi, invece, è una realtà più piccola. Fondata dal teorico dei numeri primi Franck Bandach, sfrutta un algoritmo matematico in grado di capire, per esempio, che se si cerca "Mary kissed John" non si sta cercando "John kissed Mary".

Può sembrare banale, ma i motori di ricerca attuali non sono in grado di distinguere tra l'una e l'altra frase e propongono risultati per entrambe, complicando la vita degli utenti.

Bandach sostiene di aver ormai inserito la maggior parte della lingua inglese nel proprio sistema, e di aver cominciato da quella "perché è difficile. Solo il finlandese è più difficile". Prossimamente si metterà al lavoro sul tedesco, promettendo rispetto ai concorrenti un minor impiego della Cpu.

Se per adesso questa tecnologia è ancora agli inizi, con questi ritmi di sviluppo presto nuovi strumenti si affacceranno per i webmaster e per gli utenti, che diverranno comuni proprio come ora lo sono le utilità di controllo ortografico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

GiÓ ora i risultati sono diversi, vedi discussione in merito. Leggi tutto
22-9-2008 11:19

quindi, se ho ben capito, diventerÓ fondamentale specificare, oltre ai termini ricercati, anche la lingua utilizzata, giusto? Ovvero (faccio un esempio a caso) google.it avrÓ un motore di ricerca differente da google.de, perchŔ sfruttano strutture semantiche diverse... ho capito bene? Leggi tutto
22-9-2008 10:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La rete ha reso famosi due personaggi per certi versi simili anche se molto diversi: secondo te chi Ŕ il pi¨ grande?
Julian Assange. Prende informazioni dalle grandi aziende e dai governi e le rende pubbliche gratuitamente. ╚ stato accusato - tra le altre cose - di terrorismo.
Mark Zuckerberg. Prende informazioni e dati personali e li vende alle grandi aziende e ai governi. ╚ diventato l'uomo dell'anno.

Mostra i risultati (2091 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics