Amd lancerà gli Opteron Shanghai a gennaio 2009

Il chipmaker anticipa il lancio del suo primo processore per server costruito a 45 nanometri.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-09-2008]

Amd Shanghai Opteron 45 nm gennaio 2009 Barcelona

Amd ha tutte le intenzioni di recuperare il tempo perduto a tutto vantaggio di Intel: dopo aver annunciato l'adozione della tecnologia a 45 nanometri per i processori desktop, ora ha deciso di anticipare il lancio degli Opteron Shanghai, i successori di Barcelona.

Si tratta di Cpu dedicate ai server, realizzate a 45 nanometri e con quattro core. Il passaggio al nuovo processo costruttivo dovrebbe garantire migliori prestazioni a parità di consumo, oltre che far dimenticare i guai e i ritardi che hanno colpito Barcelona.

I primi esemplari di Shanghai saranno dunque presentati già nel primo trimestre del prossimo anno, in anticipo sulle previsioni; i primi server con i nuovi Opteron, dunque, saranno in vendita entro la fine del 2009.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Spinta dal successo del settore consumer Intel aveva recuperato terreno, quindi mangiato fette di mercato anche nel lato server. Spero che Amd non si lanci in una operazione troppo anticipata e senza avere prodotti veramente performanti come ha fatto con i processori per desktop, vedremo quando usciranno
30-9-2008 20:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te come stanno cambiando gli attacchi informatici?
Ci sono sempre più attacchi automatizzati verso i server anziché verso gli individui.
Gli attacchi sono più globali, dall'Europa all'America all'Asia all'Australia.
L'impatto maggiore è sui conti aziendali e sui patrimoni medio alti.
Gli attacchi colpiscono istituzioni finanziarie di tutte le dimensioni.
Gli hacker sono sempre più veloci.
I tentativi di transazioni sono più estesi e più elevati.
Gli attacchi sono più difficili da rilevare.
E' aumentata la sopravvivenza dei server.

Mostra i risultati (1521 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics