The Pirate Bay, le motivazioni del dissequestro

Il Tribunale del Riesame di Bergamo spiega perché il sito della Baia è stato reso nuovamente accessibile, sebbene vi siano degli indizi che fanno pensare che il reato sia stato effettivamente commesso. I commenti di Daniele Minotti, Matteo Flora e Guido Scorza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2008]

the pirate bay

E' passata qualche settimana dal dissequestro del sito di The Pirate Bay, oscurato ad agosto su istanza delle case discografiche; venerdì scorso il Tribunale del Riesame di Bergamo ha depositato le motivazioni. Tali motivazioni sono da oggi disponibili online grazie al Circolo dei giuristi telematici che pazientemente hanno ricopiato la sentenza del Tribunale e l'hanno resa disponibile al grande pubblico di Internet.

Ecco le prime impressioni "a caldo" dell'avvocato Daniele Minotti, che ha seguito tutta la vicenda: "L'annullamento non è conseguito ad un "cavillo" (problemi di avviso al difensore) che era stato denunciato dai difensori (e che poteva anche essere un validissimo motivo, senza, però, andare al vero nocciolo della vicenda)".

Prosegue Minotti: "Il riesame di Bergamo ha ritenuto che sussista il "fumus" del reato contestato, cioè una sorta di "indizio" (dico così per evitare il legalese troppo stretto) che, eventualmente, in futuro potrà diventare prova. Gli stessi giudici, però, dicono che quell'inibizione (che, poi, come sappiamo è stato anche un redirect...) non rientra nello schema del sequestro preventivo - misura cautelare reale; insomma, è una misura sui generis che, in quanto non tassativamente prevista, non può essere applicata".

Matteo Flora, il tecnico informatico che aveva scoperto alcuni importanti particolari relativi al sequestro, ci aiuta a "tradurre" la sentenza dal linguaggio legalese: "Il fatto che vi siano molti materiali coperti da diritto d'autore e il fatto che vi siano molte connessioni determina la verità dell'affermazione "tanti downloadano film pirata". Un po' come dire che tanti pomodori sono al supermercato, tanta gente è nel supermercato, quindi tanta gente compera pomodori. Mi sembra di vedere qualche lacuna nel sillogismo."

Prosegue Flora: "Non è stato minimamente fatto un sequestro, poichè a tutti gli effetti non realizzava minimamente la "indisponibilità del bene" (i gestori di TPB non notavano infatti differenze). E' stata fatta una inibizione atipica delle connessioni, cosa non prevista dalla legge, non possibile in questi casi e, comunque, illecita nella sua applicazione. E per quanti aspettassero ora che FIMI non faccia altro che reiterare chiedendo l'inibizione, anzichè il sequestro, posso dire che questa non è applicabile da un PM, ma solamente dal Ministero Dell'Interno e compagnia bella in caso di scommesse clandestine e pedopornografia. Secondo me abbiamo assistito a una applicazione nella realtà del Diritto".

Quindi, conclude Flora, "non è possibile usare l'inibizione via DNS o via IP (il famoso "blocco dei provider") come sequestro. Se si vuole sequestrare il server è necessario andare e recuperarselo".

Interessanti anche le riflessioni dell'avvocato Guido Scorza, che vale la pena di leggere anche se lui stesso ricorda di non essere un penalista: "I Giudici del riesame hanno, in sostanza stabilito che il provvedimento di questa estate andava annullato perché il diritto processuale penale non contempla provvedimenti cautelari atipici e un ordine di inibitoria è cosa diversa da un ordine di sequestro. A me - povero civilista - sembra cosa ovvia ma... evidentemente in diritto penale non lo è se il GIP del Tribunale di Bergamo ha, a suo tempo, ritenuto di poter ordinare a tutti gli ISP italiani di rendere inaccessibile un intero sito."

Prosegue Scorza: "A prescindere dai tecnicismi processualpenalistici, sono comunque contento del provvedimento perché chiarisce un principio a me assai caro: non si può rendere inaccessibile un'intera fonte di informazione solo perché attraverso essa vengono diffuse anche informazioni utili a commettere un reato (ammesso che sia così)".

E adesso tocca a voi, cari lettori. Vi invitiamo a commentare nel forum qui sotto.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.

Approfondimenti
Sequestrati i server di The Pirate Bay

Commenti all'articolo (4)

In poche parole da ciò che ho capito, il sequestro è diventata un inibizione, in quanto il sito c'era ma era bloccato. E' come una fedina penale, al primo reato piccolo ti lasciano stare ma al prossimo ti fanno pagare il primo e il secondo insieme.
7-10-2008 15:49

Tiscali ancora tiene TBP oscurato Leggi tutto
7-10-2008 14:14

Quindi in parole moooooooooolto povere (e ovviamente ampiamente approssimative) il sequesto è stato annullato perché non era un vero sequestro (*) , ma una sorta di "scorciatoia di sequestero"? (*) = del resto che non fosse veramente sequestrato era evidente che vi erano molti modi per accedervi, ad es. dall'estero. (Se ad... Leggi tutto
7-10-2008 12:29

{nazgul}
siamo alle solite Leggi tutto
7-10-2008 12:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1089 voti)
Ottobre 2019
Il Galaxy S10 si sblocca con qualsiasi impronta
Windows 7 a fine vita, Microsoft importuna coi pop-up
Linux, seria falla nel comando sudo
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Tutti gli Arretrati


web metrics