In prova: McAfee Total Protection 2009

Una protezione globale che spazia dai virus al phishing passando per lo spam, così ricca di opzioni che potrebbe quasi "spaventare" gli utenti meno esperti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-10-2008]

McAfee Total Protection 2009 Antivirus

Per la protezione completa del computer McAfee propone Total Protection 2009, un prodotto che unisce funzionalità di backup, di difesa durante la navigazione e di ottimizzazione del sistema ai tradizionali e immancabili software antivirus e antispyware, oltre a un firewall a due vie (che controlla, cioè, sia il traffico in ingresso che quello in uscita).

La versione che abbiamo ricevuto per la prova è un'anteprima: pur essendo già la release definitiva, manca ancora della localizzazione in italiano (che esce ufficialmente oggi) e pertanto presenta un'interfaccia in inglese.

L'installazione è stata resa il più semplice possibile: se si sceglie la modalità tipica si devono affrontare poche schermate prima di dare il via alla copia dei file; se invece si sceglie quella personalizzata, si potrà decidere quali applicazioni dell'intera suite installare.

Terminata l'installazione, a differenza di quanto avviene con altri programmi, non è necessario riavviare Windows. In compenso, però, non c'è modo di evitare la registrazione online con McAfee o di rinnovare un account già esistente: chi vorrà usufruire degli aggiornamenti e di tutte le opzioni dovrà fornire un indirizzo email valido e specificare una password che rispetti degli standard minimi di sicurezza (lunga almeno otto caratteri e formata sia da lettere che da numeri).

Una volta completata la registrazione, un'icona (la familiare M rossa che gli utenti di McAfee conosceranno bene) apparirà nel vassoio di sistema; cliccandovi sopra con il tasto destro si potrà accedere rapidamente alle funzioni principali: aggiornamenti, scansioni, impostazioni fondamentali e supporto online.

Aprendo invece il McAfee Security Center, ossia l'applicazione che funge da pannello di controllo per governare tutte le funzioni del programma, si aprirà una finestra ordinata e pulita.

Di default viene presentato il Basic Menu, che permette di accedere alle varie opzioni fondamentali e di configurarle. Scegliendo invece l'Advanced Menu appaiono ulteriori voci che permettono interventi più raffinati ma che potrebbero anche confondere l'utente meno esperto.

In realtà, infatti, occorre dire che un utente non avvezzo all'uso di software di sicurezza rischia di trovarsi un po' spiazzato dalla moltitudine di opzioni disponibili. McAfee ha compiuto davvero molti sforzi nel realizzare schermate chiare e intuitive per la versione base del menu, tuttavia se si va in profondità si trovano così tante voci che gli utenti nuovi potrebbero esserne scoraggiati.

D'altra parte, chi ha già dimestichezza con i software di sicurezza apprezzerà le varie possibilità: Total Protection 2009 è un software completo.

C'è poi da dire che la configurazione predefinità è generalmente sufficiente per la maggiore parte delle necessità e le funzioni più utilizzate sono immediatamente accessibili attraverso due ben visibili pulsanti nella parte alta della finestre: con un paio di click si possono avviare la scansione del sistema e l'aggiornamento del sistema.

Sono tre i tipi di scansione disponibili: rapida, completa e personalizzata. La prima modalità è effettivamente molto veloce: in un paio di minuti il software controlla le minacce nelle aree del computer ritenute più soggette ad attacchi, dove è più probabile che si annidi il malware.

La scansione completa - come dice il nome - analizza l'intero disco rigido e impiega decisamente più tempo: per controllare un hard disk da 500 Gbyte pieno a metà ha avuto bisogno di una mezz'ora. La scansione personalizzata, infine, permette di selezionare solo le aree che interessano. Alla fine, una finestra informa sui risultati.

Quando una scansione è in corso, all'interno del Security Center ci si può spostare da una tab all'altra senza che questo interrompa l'attività del programma; inoltre occorre sottolineare come il computer non subisca rallentamenti importanti durante queste operazioni: è sempre possibile continuare a lavorare.

La ricerca dei virus e delle altre minacce (spyware, rootkit e via di seguito) è solo una delle caratteristiche di Total Protection, che include molto di più: il programma di McAfee protegge anche dalle modifiche involontarie al sistema (accidentali o causate dal malware) e anche dalla cancellazione di file e cartelle, integrando una soluzione di backup.

Per attivare il sistema di backup e ripristino, è necessario scaricare una componente opzionale di Windows: il Microsoft .Net Framework 1.1, che peraltro spesso gli utenti hanno già perché usato da altre applicazioni. Total Protection integra un sistema autormatico che, ottenuto il via libera dell'utente, provvede a scaricare il file necessario e a lanciarne l'installazione; l'utente dovrà poi soltanto dare il propri consenso.

Il salvataggio potrà avere come destinazione un disco locale (interno o Usb), un'unità di rete o un set di Cd o Dvd; si possono anche definire dei backup programmati da effettuare in momenti prefissati.

La funzionalità di backup, inoltre, include un'ovvio sistema di compressione dei dati (per risparmiare spazio) e un'utile opzione che permette di crittografare i file salvati, per mettere al riparo le informazioni archiviate su un supporto rimovibile che per sua stessa natura può anche finire in mani sbagliate.

Tra le novità che questa versione porta con sé ci sono da segnalare il monitoraggio della rete (che avvisa l'utente in presenza di intrusi) e la ricerca adatta all'età: una funzione di parental control che imposta automaticamete il filtraggio dei contenuti sui motori di ricerca in base al profilo utente.

Miglioramenti sono stati apportati anche a SiteAdvisor, il servizio che McAfee offre per verificare i siti Web e segnalare quelli pericolosi, da qualche tempo presente anche su Yahoo, basato sulle indagini dello staff e sulle segnalazioni degli utenti.

Ora SiteAdvisor fornisce informazioni più dettagliate sui siti sospetti, come la presenza di download pericolosi o le e-mail di spam ricevute dal personale che ha verificato il sito, così da non mettere a rischio gli indirizzi di posta degli utenti.

Restano poi da segnalare tutte le altre funzioni presenti nella suite, a partire dal controllo genitori, che permette di filtrare testi e immagini inappropriati, fino alle funzionalità di cancellazione dei dati personali e delle tracce lasciate sul computer dagli utenti.

Interessante è poi la protezione attiva non solo degli account di posta elettronica consultati via client (Outlook, Thunderbird e compagni) ma anche di quelli cui si accede via Webmail; inoltre il software controlla anche le sessioni di chat che avvengono attraverso i software di instant messaging e segnala l'eventuale presenza di link pericolosi.

Infine si possono ricordare l'integrazione con i tool di Windows per l'ottimizzazione del sistema, come il programma di deframmentazione, e lo shredder, per cancellare file o interi dischi in maniera sicura.

Da ultimo merita una menzione Active Protection, una componente che chiunque possieda un prodotto McAfee (nelle versioni 2008 e 2009) può scaricare dal sito. Si tratta di una tecnologia che ricorda DeepGuard della soluzione di F-Secure e l'Intelligenza Collettiva di quella offerta da Panda: una rete di computer formata dagli utenti McAfee che collaborano per scambiarsi le informazioni sui file dal comportamento sospetto, così da riconoscere rapidamente le nuove minacce.

Secondo quanto dichiarato dalla società, grazie ad Active Protection passerebbero soltanto 100 millisecondi tra la scoperta di una potenziale minaccia e la creazione di una protezione.

MCAFEE TOTAL PROTECTION 2009
Prezzo Euro 79,95 (Iva inclusa) licenza per 12 mesi e 3 Pc
Pro Molte funzionalità a disposizione, presenza di SiteAdvisor, menu base intuitivo, richiede poche risorse.
Contro Il numero di opzioni può confondere i nuovi utenti, prezzo elevato, necessità di sottoscrivere un account.
Funzionalità 5
Documentazione e facilità d'uso 4
Condizioni Commerciali 3
Giudizio Globale 4

Nel complesso, McAfee Total Protection 2009 appare come una soluzione completa, ricca di funzionalità ed efficiente anche per quanto riguarda le ridotte risorse necessarie al suo funzionamento.

Paga forse questa propria ricchezza con un'offerta di opzioni che rischia di disorientare l'utente alle prime armi, che potrebbe essere sopraffatto dalla quantità delle funzioni e delle possibilità di configurazione.

È anche vero d'altra parte che un'installazione semplice, un menu basic intuitivo e una configurazione di default efficace impediscono che questa soluzione si dimostri troppo ostica per chi desidera soltanto proteggersi dalle minacce disinteressandosi dei dettagli.

Il prezzo, come per la soluzione a tutto tondo di Panda, è un po' alto e c'è da chiedersi se un utente con un minimo di esperienza non ritenga sufficiente dotarsi di una delle versioni minori della proposta di McAfee (il pacchetto base VirusScan, o magari la suite Internet Security che però nella versione per 3 Pc costa solo 10 euro in meno).

McAfee Total Protection 2009 è compatibile con i sistemi Windows nelle versioni 2000, Xp e Vista (a 32 e 64 bit) e per funzionare richiede 256 Mbyte di Ram e 150 Mbyte di spazio su disco. Supporta Internet Explorer dalla versione 6, Firefox dalla versione 1.5, diversi client di posta (tra cui Windows Mail, Outlook, Eudora e Thunderbird) e i sistemi di instant messaging di Aol, Yahoo e Microsoft.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
Sì, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
Sì, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente è attento: non c'è motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. Sì, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2253 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics