I truffatori col "mulo"

Un po' di ingegneria sociale è sufficiente per coinvolgere persone rispettabili nel traffico di merce rubata.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2008]

Scam parcel mule muli plichi pacchetti itv1

Lo scam, ossia quelle truffe via Internet che sfruttano l'ingegneria sociale (come le cosiddette "truffe alla nigeriana"), sta evolvendosi e imparando a sfruttare degli inconsapevoli intermediari non solo nel trasferimento di denaro, ma anche in quello di oggetti concreti.

"Parcel mules", muli dei plichi: così li chiamano nei Paesi anglofoni e non sono altro che vittime di una truffa di cui si rendono complici senza nemmeno rendersene conto. Ricevono degli oggetti e li consegnano ad altre persone pensando di aiutare così degli amici lontani. In realtà gli oggetti sono stati ottenuti in modo illecito.

La rete televisiva inglese Itv1 ha condotto delle indagini e scoperto 13 donne coinvolte a loro insaputa nel commercio illegale di vari apparecchi elettronici, dai telefonini ai lettori di Dvd fino ai computer portatili.

Queste donne erano convinte di fare un favore a degli "amici" conosciuti via Internet e risiedenti in Nigeria o Ghana, che avevano bisogno di consegnare diversi oggetti. Ogni settimana un furgone passava a casa di ognuna di esse e ritirava i pacchi che arrivavano dall'estero.

Una delle vittime, in particolare, pensava di stare facendo del volontariato per un orfanotrofio in Africa.

In realtà stava smistando degli oggetti comprati con carte di credito rubate e trasportate oltremare attraverso tutta una serie di intermediari.

I "muli dei plichi" vengono contattati e arruolati attraverso delle false offerte di lavoro, siti contraffatti che all'apparenza rimandano ad aziende e associazioni rispettabili o servizi fasulli di incontro per persone sole.

Una volta guadagnata la fiducia, il truffatore potrà contare sulla piena collaborazione di questo nuovo "amico" per svolgere alcune commissioni che, data la distanza, non può compiere di persona.

Secondo Andrew Goodwill, esperto di frodi che lavora per 3rd Man Group, potrebbero esserci centinaia se non migliaia di persone cadute in queste trappole e per la stragrande maggioranza si tratta di donne, colpevoli innanzitutto di essersi fidate troppo di sconosciuti incontrati in Rete.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

vecchie tecniche per nuovi mercati. Leggi tutto
29-10-2008 11:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1309 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics