Ballmer non comprende la strategia di Google Android

Secondo il Ceo di Microsoft, regalare Android come sta facendo ora non permetterà a Google di rientrare delle spese sostenute per lo sviluppo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-11-2008]

Steve Ballmer non capisce Google Android

"Io non capisco proprio la loro strategia. Magari qualcun altro ce la fa. Se andassi dai miei azionisti, o dai miei analisti, e dicessi loro 'ehi, abbiamo lanciato un nuovo prodotto senza un piano per generare profitti' non credo che la prenderebbero molto bene".

È questa l'opinione di Steve Ballmer, Ceo di Microsoft, su Android, il sistema operativo per smartphone basato su Linux e sponsorizzato da Google.

Secondo il numero uno di Redmond, il modello di business su cui si basa Android semplicemente non può funzionare.

Il sistema è gratuito e aperto: persino i sorgenti sono disponibili. Google conta di ricavare la propria fetta di introiti dalla ricerca in Internet e dai servizi online, ma l'opinione di Ballmer è che qui saranno gli operatori a mettere i bastoni tra le route, preferendo soluzioni a loro stessi legate e vanificando ogni possibilità di guadagno per la compagnia di Mountain View.

Così, insieme alla sicurezza di riuscire a guadagnare qualche soldo sparirà anche la possibilità di apportare migliorie al sistema operativo - spiega Ballmer - fino a che Android tornerà nel nulla da cui è uscito.

Per ora Android attira l'attenzione e inizialmente i dispositivi che si basano su di esso venderanno, ma si tratta dell'entusiasmo che accompagna le prime versioni. Il bello arriverà quando occorrerà preparare una seconda generazione, e poi una terza, e una quarta. Sempre che il progetto non muoia prima per mancanza di fondi.

Anche per questo, secondo Steve Ballmer, Google non è un avversario temibile per Microsoft nel settore dei dispositivi mobili: "Forse un giorno. Ma adesso...".

Il problema non è dunque la validità tecnica della soluzione proposta da Google, ma proprio il modello che sta alla base, che secondo l'amministratore di Microsoft non è in grado di generare utili. Un po' quello che Microsoft dice di Linux.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Uhm, morira' senza migliorie? Leggi tutto
7-11-2008 10:05

{Ivan}
Google è sula buona strada Leggi tutto
7-11-2008 10:04

Cervelli fatti a $ Leggi tutto
7-11-2008 07:18

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2257 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics