Il robot che uccide solo quando veramente necessario

I soldati umani sono soggetti a stress, rabbia, vendetta: tutte emozioni che li portano a causare vittime anche tra i civili, e dalle quali un robot sarebbe al riparo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-11-2008]

Roboto soldati etici Ronald C. Arkin Colin Allen

Secondo un rapporto stilato nel 2006 e basato sulle risposte dei membri dell'esercito statunitense, meno della metà dei soldati che hanno servito in Iraq sostiene che chi non combatte vada trattato con dignità e rispetto; anzi, il 17% è convinto che tutti i civili debbano essere considerati dei rivoltosi.

Portando questi risultati a sostegno delle proprie tesi, il dottor Ronald C. Arkin del Georgia Institute of Technology, ha avanzato la proposta di iniziare a creare un esercito di robot intelligenti e autonomi, in grado di"comportarsi in modo più etico di quanto facciano attualmente gli umani".

I vantaggi sarebbero molti. Per esempio gli automi non attaccherebbero selvaggiamente, spinti dalla paura: basterebbe programmarli senza istinto di autoconservazione.

Sarebbero privi di rabbia e di avventatezza, non sarebbero soggetti a problemi psicologici, non prenderebbero decisioni dettate dallo stress e non sarebbero selettivi nell'apprendere nuove informazioni, prestando orecchio solo a quelle che si accordano con le idee che già possiedono, come invece fanno gli umani.

Niente più truppe stressata, arrabbiate, ansiose o vendicative; niente più rischi di violenze sui civili; nessuna possibilità di fare vittime innocenti per colpa di uno stato d'animo alterato.

Naturalmente la realizzazione pratica resta un problema, perché dotare un robot di considerazioni morali aggiunge sfide nuove a un compito già difficile di per sé, cioè la realizzazione di "sistemi affidabili, efficienti e sicuri".

Il dottor Colin Allen, autore del libro "Moral Machines: Teaching Robots Right From Wrong" ("Macchine Morali: insegnare ai robot a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato"), pensa che sia possibile spiegare a un sistema come riconoscere ciò che è importante dal punto di vista etico.

Il problema, infatti, è insegnare a decidere se la distruzione di un obiettivo militare sia possibile senza causare vittime innocenti o se sia meglio rimandare, nonché far sì che sia in grado di distinguere le persone che rappresentano una minaccia dai semplici abitanti delle zone di guerra.

In ogni caso, il dottor Arkin è convinto che la creazione dei soldati robotici garantirà il rispetto delle Convenzioni di Ginevra; ora si tratta solo di fare in modo che gli automi diventino "sempre più consapevoli delle situazioni" e possano così decidere da soli per il meglio.

D'altra parte, l'idea di macchine che non possono fare del male agli esseri umani non è nuova: a chi, leggendo le affermazioni di Arkin e Allen non è venuto in mente il Ciclo dei Robot di Isaac Asimov? Certo, Asimov non ha mai pensato a un uso bellico dei robot, ma ora la tecnica sembra essere vicina alla possibilità di creare non cervelli positronici ma almeno robot capaci di comprendere le situazioni.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
L'app che ti rivela i sentimenti altrui

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

lavoro sporco affidato a chi non ha coscienza Leggi tutto
18-4-2009 09:49

Di robot nei molti racconti e romanzi di Isaac Asimov ve ne sono di vari tipo. Non tutti sono "Robot con le tre leggi della robotica": alcuni -come detto da un altro utente- hanno anche un altra legge, alcuni hanno le tre leggi ma con delle modifiche, oppure sono difettosi. Altri robot sono robot di tuttaltro tipo che non... Leggi tutto
6-12-2008 00:04

Tutti si fermano a pensare al presente, ed ai limiti tecnologici di questa proposta dei robot bellici intelligenti e moralmente evoluti, senza andare oltre, ad un futuro lontano in cui i limiti tecnici di oggi sono superati e vedere il risultato finale. Dei robot autonomi, dotati di razionalità e moralità, capaci di vedere le soluzioni... Leggi tutto
5-12-2008 12:17

Ti quoto al 99% L' unica cosa che sottolinerei (alla quale nessuno ha ancora pensato) e' che un robot allo stato costa piu' di un umano. La perdita di un tot di armi di questo tipo inciderebbe troppo sull' economia; pertanto penso che finche' non si abbasseranno i costi di produzione sia irrealizzabile. Seconda cosa (ma non meno... Leggi tutto
1-12-2008 15:37

La cultura della "guerra perenne" così cara ai neocon e a tantissime industrie che intravedono profitti altissimi, è in continua e fervida attività. Ci provano in tutti i modi a tentare di normalizzare quello che normale NON PUO' e NON DEVE essere, cioè la guerra. Oltre alle enormi difficoltà tecniche, che già mdini e ignazio... Leggi tutto
1-12-2008 14:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa fai quanto ricevi una richiesta d'amicizia da una persona che non conosci?
Di solito accetto tutte le richieste d'amicizia. Più amici ho, meglio è
Accetto l'amicizia solo di persone con cui ho conoscenze in comune
Sui social, aggiungo come amici solo le persone che conosco personalmente

Mostra i risultati (1028 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics