Il file sharing fa bene all'economia

Uno studio dimostra che la condivisione di file non solo non danneggia l'industria culturale ma anzi fa aumentare le vendite del merchandising.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-01-2009]

P2P fa bene all'economia ricerca olandese

Sarà difficile spiegarlo ai protagonisti dell'industria discografica e cinematografica, che piangono per il crollo continuo delle vendite di Cd e Dvd, ma secondo una ricerca olandese la causa delle loro sciagure non è il file sharing. Anzi, il peer to peer ha delle ricadute positive sulla vendita dei prodotti collegati ai contenuti video e a quelli musicali: il merchandising.

Lo studio, condotto per conto del Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero degli Affari Economici dei Paesi Bassi, si è basato sul confronto dei dati statistici già raccolti, sulle intervisti con i "grandi condivisori", su un sondaggio e su una serie di seminari informativi.

Il quadro che ne è emerso non è quello disastroso dipinto da chi gestisce l'industria della cultura; riserva invece alcune sorprese.

La gente scarica perché non ce la fa a comprare tutta la musica che vorrebbe, questo è certo, e la diffusione del file sharing si traduce in un calo complessivo delle vendite di Cd e Dvd; questo calo, però, non è tanto marcato quanto sembrava.

Chi usa il peer to peer - questo emerge dall'indagine - molto spesso decide di acquistare l'album di cui ha scaricato le canzoni, per avere tra le mani un supporto fisico e tutti gli extra come la copertina, il libretto e via dicendo; lo stesso avviene per i film.

Se poi si confrontano gli acquisti di chi scarica con quelli di chi invece non fa uso del file sharing, si scopre che sono i primi a comprare di più, ad andare ai concerti e a collezionare i gadget.

Come se ciò non bastasse, la ricerca olandese ha svelato come le perdite segnalate nella vendita delle registrazioni (video o audio) vengono più che compensate dai guadagni che arrivano dal merchandising e dai concerti. Il saldo, alla fine, risulta positivo.

La tendenza complessiva che emerge dal lungo rapporto (146 pagine) indica chiaramente come i futuri guadagni delle case discografiche e cinematografiche non possano più essere rappresentati dalla vendita di Cd e Dvd (o, peggio ancora, dal noleggio, un'attività ormai praticamente inesistente): occorrerà invece studiare un nuovo modello di business che faccia leva sui "valori aggiunti" mentre le opere in sé diventano disponibili attraverso altri canali.

Un discorso analogo vale per il settore dei videogiochi, definito "stagnante": i produttori devono concentrarsi sui vantaggi che deve portare con sé il possesso di un gioco originale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

E' vero, siamo nel periodo storico che chiamerei di "produzione di massa" :shock: in cui c'è veramente un'infinità di robaccia in giro e poche cose di qualità :!:. Oramai la qualità è una pura utopia e verificare i prodotti prima dell'acquisto non è poi un'idea tanto aliena :-k, a patto che poi se piace li si acquistino... Leggi tutto
28-5-2009 10:56

ESATTO !! le case discografiche e la famosa SIAE, quest'ultima è stata istituita proprio per difendere i diritti degli autori stessi, si fregano i 3/4 degli introiti. Sulle vendite di gadget invece non guadagnano niente, per cui.... ...la guerra continua. Leggi tutto
16-2-2009 08:57

Pardon ho notato solo dopo che era già citato chi ha commissionato la ricerca: "Ministero della Pubblica Istruzione e del Ministero degli Affari Economici dei Paesi Bassi"... :) Leggi tutto
12-2-2009 18:38

Si', la fonte è Zeus News
12-2-2009 18:15

..Si può sapere la fonte di questa notizia? Cioè quale istituto ha condotto questa ricerca? E' disponibile su Internet? Vorrei proporre questa ricerca sul forum antipirateria del governo... Leggi tutto
12-2-2009 18:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A partire da quale età è utile un telefono cellulare?
Prima degli 8 anni
Da 8 a 10 anni
Da 10 a 12 anni
Da 12 a 14 anni
Da 14 a 16 anni
Da 16 a 18 anni
Dopo i 18 anni

Mostra i risultati (3354 voti)
Settembre 2020
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Tutti gli Arretrati


web metrics